Torino, in stazione aggredisce guardie giurate e agenti Polfer

Torino, in stazione aggredisce guardie giurate e agenti Polfer

Arrestato un camerunense di 25 anni

Un arrestato, 728 persone identificate di cui 208 straniere e 222 a bordo treno, 80 operatori impiegati in 26 stazioni ferroviarie, 31 i treni scortati e 3 sanzioni elevate per infrazioni al codice della strada. Questi i risultati del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta nell’ambito della giornata di controlli organizzata a livello nazionale, su disposizione del Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, per il contrasto dei comportamenti scorretti in ambito ferroviario, tra cui gli attraversamenti dei binari e l’indebita presenza in aree ferroviarie di servizio.

Gli Agenti Polfer hanno attuato controlli per prevenire le condotte a rischio incautamente adottate dai viaggiatori, non solo nelle stazioni maggiormente interessate da traffico ferroviario, ma anche in quelle non presenziate quotidianamente.

In particolare a Torino Porta Nuova, agenti del Settore Operativo hanno tratto in arresto un venticinquenne camerunense, residente nel cuneese, che si è reso responsabile di resistenza e lesioni aggravate. L’uomo, dopo aver aggredito e colpito due guardie giurate in servizio nella stazione, alla vista dei poliziotti intervenuti in soccorso, con mossa repentina si è dato a precipitosa fuga per le vie cittadine. Gli agenti si sono posti immediatamente all’inseguimento del fuggiasco che è stato intercettato a centinaia di metri di distanza dalla stazione. Una volta raggiunto, il giovane che ha mantenuto una condotta aggressiva, sferrando calci e pugni e procurando lesioni agli agenti intervenuti.

L’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

08/08/2020 Fonte: https://www.infovercelli24.it/2020/08/08/leggi-notizia/argomenti/notizie-dal-piemonte/articolo/torino-in-stazione-aggredisce-guardie-giurate-e-agenti-polfer.html

Livorno, assalto a portavalori: rubati 100mila euro per pensioni

Livorno, assalto a portavalori: rubati 100mila euro per pensioni

Pubblicato il: 27/07/2020 12:05

Due banditi, armati di un fucile automatico e una pistola, hanno assalito, questa mattina a Livorno, un furgone portavalori che stava trasportando 100mila euro destinati all’ufficio postale di via Settembrini per il pagamento delle pensioni.

I rapinatori hanno agito in modo fulmineo e subito dopo sono fuggiti a bordo di un suv verde. Sul posto è intervenuta la polizia. Sono stati predisposti posti di blocco per cercare di intercettare i banditi in fuga.

Fonte: https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/07/27/livorno-assalto-portavalori-rubati-mila-euro-per-pensioni_79EAvXlmjmadf17tfDEmrI.html

Servizi di vigilanza porta a porta…

Servizi di vigilanza porta a porta “Ho segnalato il caso al Prefetto”

Vigilanza privata venduta direttamente a casa: da qualche settimana giungono segnalazioni, verbali e scritte, da cittadini del territorio di Camaiore relative alla vendita porta a porta dei servizi di vigilanza privata. Le stesse riferiscono proposte un po’ insistentii. “Le persone che hanno fatto riferimento a me sono talora rese inquiete dalla presentazione dei servizi, in un momento storico dove la gente non gradisce, evidentemente, una narrazione del contesto che metta più preoccupazioni di quelle che si hanno a normale – afferma il sindaco Alessandro Del Dotto –. La sicurezza è un problema centrale: il controllo del territorio, la lotta allo spaccio, la cattura di ladri e delinquenti, la lotta alle mafie e all’illegalità sono all’ordine del giorno nelle richieste che portiamo sempre alla Prefettura, ancorché gli episodi che ci sono non rendono la Versilia un farwest abbandonato dalle forze pubbliche dell’ordine.Che ringrazio per il lavoro che fanno, difficile e faticoso ma instancabile e visibile”. “In un’epoca dove il tema della sicurezza è sensibile e centrale, nella quale l’amministrazione è impegnata nel mantenere nell’ambito delle istituzioni pubbliche, senza fini di lucro, il compito di garantire sicurezza, simili segnalazioni ci preoccupano – chiude Del Dotto – Per questo, provvederò immediatamente a segnalare gli episodi al Prefetto”.

Fonte: https://www.lanazione.it/lucca/cronaca/servizi-di-vigilanza-porta-a-porta-ho-segnalato-il-caso-al-prefetto-1.5334683

Paura al pronto soccorso…

Paura al pronto soccorso, uomo bloccato da guardia giurata: ha aggredito carabinieri

Gela. Ha prima tentato di aggredire i carabinieri, che lo hanno bloccato spruzzandogli dello spray negli occhi, ma avrebbe proseguito anche una volta arrivato al pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele”. In questo caso, una guardia giurata di “Sicilia Police” ha evitato il peggio. E’ sotto verifica la posizione di un uomo che si è reso protagonista di ore di forte paura. Al pronto soccorso, avrebbe tentato di scagliarsi contro suppellettili e arredi, ma la guardia giurata lo ha fermato.

In quel frangente, c’era anche un altro paziente, in codice rosso, che avrebbe potuto risentire delle conseguenze della furia dell’uomo. Alla fine, è stato sedato e anche al pronto soccorso sono arrivati carabinieri e guardia di finanza.

21/07/2020 Fonte: https://www.quotidianodigela.it/paura-al-pronto-soccorso-uomo-bloccato-da-guardia-giurata-ha-aggredito-carabinieri/

Spara contro i ladri…

Spara contro i ladri, rischia di colpire il vigilante che inseguiva i banditi

Latina – Una guardia giurata sventa il furto nel cantiere di una casa e si lancia all’inseguimento dei banditi nel buio dei campi. Qualcuno tra i vicini imbraccia il fucile e spara

La psicosi furti ha rovinato la serenità delle famiglie che vivono nelle zone più bersagliate, com’è successo per un lungo periodo, e sta accadendo di nuovo, nella campagna tra Borgo Faiti e Borgo San Michele. Per mettere tutti in allerta è sufficiente l’abbaiare insistente dei cani del circondario, come il fruscio dei banditi che scappano tra i campi coltivati, e non manca l’occasione che qualcuno decida di imbracciare il fucile per sparare qualche colpo a scopo intimidatorio: peccato che l’ultima volta, un paio di notti fa, il cittadino di turno che voleva spaventare i ladri, ha finito per mettere in pericolo anche l’incolumità delle guardie giurate che li stavano inseguendo, gli uomini del Corpo Vigili Giurati che sono stati investiti da una pioggia di pallini e pallettoni, per fortuna senza essere colpiti.

A fare da scenario al pericoloso episodio dell’altra notte, è stato il reticolo tracciato dalle Migliare che tagliano strada Trasversale. Da quelle parti la gente ormai è abituata a fare i conti con i ladri, quelli di ogni genere visto che se li trovano in casa, o nelle aziende, alla ricerca di tutto quello che capita. E fino a un paio di anni fa, le fughe rocambolesche e gli inseguimenti erano praticamente all’ordine del giorno.

I più colpiti, gli imprenditori agricoli, si erano persino organizzati con una sorta di ronde per porre la parola fine all’escalation di razzie, fin quando una notte, nel bel mezzo di una rocambolesca caccia ai ladri, un padre aveva ferito il figlio, colpendolo accidentalmente con un colpo di pistola esploso inavvertitamente, nella concitazione del momento. Insomma, la disperazione ha spinto spesso i residenti di quella zona a mobilitarsi per scoraggiare i banditi più ostinati. Del resto non capita raramente, tra le case di campagna, di sentire colpi di fucile esplosi in piena notte per convincere con le maniere forti, gli scassinatori, a demordere.

L’episodio dell’altra notte si è registrato in strada Migliara 42, dove i soliti ignoti avevano preso di mira il cantiere adiacente a una villetta abitata: quando avevano avvertito i primi rumori, i proprietari avevano evitato di esporsi al pericolo di uscire a controllare e avevano dato l’allarme, segnalando l’episodio anche alla centrale operativa dell’istituto privato di vigilanza Corpo Vigili Giurati di cui sono clienti.

20/07/2020 Fonte: https://www.latinaoggi.eu/news/cronaca/107793/spara-contro-i-ladri-rischia-di-colpire-il-vigilante-che-inseguiva-i-banditi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: