Genova: Quindicenne picchia guardie che lo sorprendono a rubare videogiochi

Genova: Quindicenne picchia guardie che lo sorprendono a rubare videogiochi

Sorpreso dai commessi della Fnac di via XX Settembre, a Genova, a rubare videogiochi, un ragazzino di 15 anni ha ingaggiato una colluttazione con gli addetti alla vigilanza e solo a fatica è stato immobilizzato e poi arrestato dai carabinieri. Un coetaneo che era con lui è riuscito a fuggire. Il ragazzino è stato accompagnato nel centro di accoglienza di via Frugoni a disposizione della procura presso il tribunale per i minorenni. Il quindicenne, genovese, è stato notato tra gli scaffali, in compagnia di un coetaneo, mentre infilava alcuni videogiochi nel suo zainetto. Veniva tenuto d’occhio perché già alcuni giorni fa aveva compiuto un altro furto. Fermato all’uscita dalle guardie giurate, ha opposto una vivace resistenza, colpendo con calci e pugni di addetti che a fatica sono riusciti a portarlo negli uffici. Nello zainetto sono stati trovati quattro videogiochi per un valore di 240 euro. Nel frattempo, approfittando della confusione, il complice era riuscito ad allontanarsi.

13/09/2008 13:39 Fonte: unionesarda.ilsole24ore.com

http://unionesarda.ilsole24ore.com/unione24ore/?contentId=41556

Catania: fermato il presunto rapinatore che sparro’ alla guardia giurata di Librino

Il 9 settembre scorso personale della Squadra Mobile della Questura di Catania e della Compagnia dei Carabinieri “Fontanarossa”, coordinato dalla locale Procura Distrettuale della Repubblica di Catania. Ha eseguito il provvedimento di fermo di indiziato, traendo in arresto, Francesco Speciale cl 67, gia con precedenti. Insieme a lui arrestato anche un complice, Filippo Naselli cl. 77 che avrebbe ospitato Speciale, indiziato come l’autore che nel pomeriggio del 29 agosto scorso feri’ Gaetano Lauceri la guardia giurata, di 22 anni, che svolgeva il servizio di vigilanza all’ingresso del supermercato “Hard & Brand”, in viale Librino, aggredito alle spalle da un malvivente il quale, dopo avergli cinto il collo con un braccio, gli ha puntato un revolver alla testa nel tentativo di immobilizzarlo e consentire ad un complice di impossessarsi della sua pistola. La giovane guardia giurata, però, non appena si è reso conto di quanto stava accadendo, ha reagito energicamente ingaggiando una violenta colluttazione. Il malvivente, pur di riuscire nel suo intento, non ha esitato a sparargli contro alcuni colpi di pistola riducendolo in gravi condizioni, pur di sottrargli l’arma in dotazione, una pistola semiautomatica.

Gli elementi acquisiti nell’immediatezza dei fatti e i dati acquisibili dalle immagini, nonostante il camuffamento dell’aggressore, ha consentivano di acquisire elementi utili alle indagini, subito indirizzate nei confronti di alcuni pregiudicati del quartiere Librino. La fisionomia dell’aggressore ed altri elementi hanno portato a concentrare i sospetti su Francesco Speciale, personaggio conosciuto per numerosi precedenti penali in materia di sostanze stupefacenti ed armi, che beneficiava degli arresti domiciliari quale tossicodipendente. Speciale ha fatto perdere le sue tracce. Nel corso della perquisizione nel suo appartamento, nel quartiere di Librino, sono state rinvenute e sequestrate tracce evidenti di medicazioni appena somministrate e confezioni di medicinali, segno inequivocabile che Speciale, nel corso della violenta colluttazione, aveva riportato ferite che stava tentando di curare da solo.

Le ricerche sono continuate senza sosta, attraverso controlli e perquisizioni di numerose abitazioni, hanno portato ad individuarlo all’interno di un appartamento di viale S. Teodoro, abitato da Filippo Naselli. Il 9 settembre, è scattato il blitz, accerchiato l’edificio, l’ irruzione nell’abitazione di questi ha consentito di sorprendere il ricercato il quale, vistosi ormai scoperto, si è arreso senza opporre resistenza. Mentre Filippo Naselli, invece, che aveva dato riparo ed assistenza nella sua abitazione al ricercato, ha tentato la fuga, scavalcando la finestra della cucina e raggiungendo una terrazza dove però è stato prontamente raggiunto e tratto in arresto per il reato di favoreggiamento personale. All’atto dell’arresto, si è constatato che Speciale presentava all’altezza del ginocchio destro alcune ferite in fase di guarigione, compatibili con lievi lesioni d’arma da fuoco. Tale particolare conferma l’ipotesi investigativa. Che nel corso della colluttazione con la guardia giurata, era stato colpito di striscio da un colpo d’arma da fuoco, sparato accidentalmente dallo stesso o dalla guardia giurata nel tentativo di difendersi. Intanto le indagini proseguono.

13/09/2008 Fonte: cataniaoggi.com

http://www.cataniaoggi.com/index.php?option=com_content&task=view&id=1789&Itemid=26

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: