Reggio Emilia: maldestro ladro protagonista di un pomeriggio di follia

Reggio Emilia: maldestro ladro protagonista di un pomeriggio di follia

REGGIO EMILIA – Dopo aver commesso un furto al centro commerciale Meridiana di Reggio Emilia, si è dato alla fuga inseguito dalle guardie giurate. Il malvivente, Said Nadi, 34 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato bloccato grazie all’intervento dei Carabinieri al termine di una rocambolesca fuga. L’episodio si è consumato nel tardo pomeriggio di lunedì. Il ladro è stato arrestato per rapina e lesioni personali per aver ferito lievemente due vigilantes.

Il magrebino era stato fermato alle casse non appena si era attivato il dispositivo antitaccheggio. Il 34enne, infatti, aveva occultato un paio di scarpe sotto la maglia. Dopo aver pagato l’articolo, ha guadagnato l’uscita del negozio. Ma qui si è nuovamente attivato il sistema d’allarme. A quel punto l’extracomunitario è stato nuovamente bloccato dalle guardie giurate, che si sono fatte consegnare un di scarpe che aveva nascosto come nel precedente caso sotto la maglia.

Improvvisamente il 34enne, alla vista del responsabile del negozio, si è gettato ai suoi piedi, chiedendo di non esser consegnato alle forze dell’ordine. Poi si è scagliato contro un vigilantes, facendolo cadere a terra. Quindi si è dato alla fuga. L’uomo è stato inseguito da due guardie giurate, che hanno faticato non poco per raggiungerlo. Inoltre il ladro si era sfilato dai pantaloni la cintura che usava per tenere lontano i due inseguitori.

Dopo aver raggiunto i binari della vicina linea ferroviaria, ha cominciato a scagliare alcuni sassi contro gli addetti alla sicurezza, riuscendo a fuggir via facendo perdere le proprie tracce. Ma poco dopo, in sella ad una bicicletta, è tornato in zona. Qui è stato sorpreso dai vigilantes che sono riusciti a bloccarlo grazie anche all’intervento dei Carabinieri. Il pomeriggio di follia del 34enne si è concluso con le manette tra le mani. Due guardie giurate, invece, hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere: i medici le hanno giudicate guaribili in tre e sei giorni.

14/10/2008 Fonte: http://www.romagnaoggi.it/emilia/2008/9/16/102833/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: