L’assessore Cioni: “Anche le guardie giurate potrebbero svolgere opera di prevenzione”

L’assessore Cioni: “Anche le guardie giurate potrebbero svolgere opera di prevenzione”

Firenze, 16 ottobre 2008 – “Mi chiedo se, pur nell’ambito delle rispettive competenze, anche le guardie giurate, debitamente formate, possano contribuire a un’opera prevenzione sul territorio?”.

Il quesito lo ha posto l’assessore alle sicurezza e vivibilità urbana del comune di Firenze, Graziano Cioni durante la presentazione del corso sull’educazione alla sicurezza per gli esercenti commerciali, promosso da Confesercenti.

“Non si tratterebbe – ha aggiunto l’assessore Cioni – di chiedere alle guardie giurate di assolvere un compito diverso da quello che solitamente svolgono. Ma penso ad esempio se aziende, commercianti, gestori di discoteche decidessero di assumere personale destinato a proteggere il loro bene, già questo, solo per la presenza in divisa, svolgerebbe un ruolo di prevenzione. Normalmente Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Municipale, Guardia di Finanza sono impegnate in un’importante azione di controllo in città. Firenze però vive 24 ore su 24 e questa attività integrata potrebbe allargarsi a queste figure che dovrebbero semplicemente continuare a fare ciò che gli compete, in stretto rapporto con le altre forze presenti sul territorio”.

L’assessore Cioni ha anche avuto parole di apprezzamento per l’iniziativa di Confesercenti di promuovere questo corso (che prenderà il via il 27 ottobre): “Si tratta di un valore aggiunto che si coniuga bene nella strategia che quotidianamente svolgiamo in sinergia fra tutte le forze dell’ordine, per il controllo del territorio. Un’iniziativa che condivido e apprezzo e che mi auguro possa essere seguita da un gran numero di esercenti”.

Fonte: http://lanazione.ilsole24ore.com/firenze/2008/10/16/126031-assessore_cioni_anche_guardie_giurate.shtml

Trasporti: elettrotreno in funzione sulla Bologna-Portomaggiore

Trasporti: elettrotreno in funzione sulla Bologna-Portomaggiore

BOLOGNA – Un elettrotreno con più di 160 posti a sedere, modulati su una composizione “a due casse”. Conclusa la fase di prova entrerà in funzione a breve sulla Bologna-Portomaggiore, dove sono terminati i lavori di elettrificazione della linea, affiancando i treni diesel.

“Il completamento dei lavori sulla rete – ha spiegato oggi l’assessore alla Mobilità e Trasporti della Regione Alfredo Peri, durante il viaggio inaugurale con i rappresentanti degli enti locali e di Fer – ci permette di utilizzare sin d’ora il materiale rotabile elettrico già a disposizione. A breve inizieremo le procedure per l’acquisto di altri elettrotreni, che aumenteranno progressivamente negli anni con l’obiettivo di eliminare i diesel”. Per le ferrovie, ha ricordato Peri, “lo sforzo da parte della Regione, dal punto di vista della priorità, è straordinario: un piano pluriennale di circa 150 milioni di euro per infrastrutture e l’acquisto di materiale rotabile nuovo”. A fine anno inoltre si arriverà all’azienda unica regionale – la Fer – per il ferro, “in grado di usare in modo più efficiente – ha concluso l’assessore – il materiale a disposizione”.

Sempre entro la fine anno, “grazie agli investimenti della Regione contiamo di acquistare 20 nuovi elettrotreni – ha ricordato Claudio Ferrari, direttore Fer – . Si tratta di procedimenti lunghi, per cui ci auguriamo di avere la disponibilità delle prime forniture tra due anni. Nel frattempo riqualificheremo i treni esistenti, ripulendoli dai graffiti, e rafforzeremo la vigilanza dei depositi con guardie giurate, in modo da scoraggiare l’attività dei graffittari”. Gino Maioli, presidente Fer, ha assicurato l’impegno “a mantenere un flusso costante di informazioni rispetto allo sviluppo della situazione. Vogliamo riqualificare al massimo – ha aggiunto – la qualità del servizio”.

16/10/2008 Fonte: http://www.romagnaoggi.it/bologna/2008/10/16/105668/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: