«Portoghesi» nei bus, Padova come Los Angeles

«Portoghesi» nei bus, Padova come Los Angeles

Riccardo Sandre

Troppi utenti non pagano il biglietto: 6% di evasione, un milione di mancati introiti all’anno

Utilizza i mezzi pubblici per diporto e saltuariamente, è maschio, giovane, disoccupato. E’ questo l’identikit del passeggero senza biglietto. Innocua autoriduzione, dimenticanza, mancanza di spiccioli, motivazioni banali per non pagare sull’autobus l’euro del biglietto. Tuttavia questo atteggiamento costa ad Aps circa un milione di euro di mancati introiti all’anno.

Rispetto alla media nazionale, dove la percentuale stimata di «portoghesi» sfiora il 20% e la perdita economica per il settore raggiunge i 450 milioni di euro annui, la situazione è un po’ migliore ma comunque preoccupante. La percentuale stimata da Aps holding a proposito dell’evasione tariffaria sui mezzi pubblici cittadini si aggira infatti intorno al 6%. Se paragonata alle maggiori città europee e occidentali, la situazione rimane allarmanete: i «portoghesi» di Helsinki non superano il 2%, a Londra sono circa il 3,2%, in tutta la Germania la percentuale di evasori si attesta fra il 2 e il 3%. Per trovare statistiche simili bisogna guardare a Los Angeles mentre solo Marsiglia, con una percentuale fra il 12 e il 20%, è pari alla media del Bel Paese e supera di molto Padova.
In un clima di tagli alle risorse e riduzione della spesa pubblica, il presidente di Aps holding Amedeo Levorato, ha intrapreso una dura battaglia contro i cosiddetti portoghesi: «Vorremmo portare il livello di evasione tariffaria sui mezzi pubblici vicino alla media europea – dichiara il presidente – intorno cioè a quel 3% che sembra essere fisiologico. E per farlo ci siamo trovati costretti ad aumentare i controlli». Risulta infatti, da una ricerca condotta da Asstra-Hermes svolta su un campione di venti aziende di trasporto pubblico nel giugno di quest’anno, che l’85% della popolazione è evasore potenziale la cui onestà dipende sostanzialmente dal clima di controllo percepito. I cartelli multilingua che avvisano i viaggiatori delle delleconseguenze della mancata obliterazione del biglietto, gli annunci a voce ogni due fermate, i controlli in discesa ai capolinea del tram, l’aumento del 10% dei controlli sono le strategie di dissuasione che Aps ha messo in campo per Padova: «Queste iniziative hanno già dato buoni frutti – dichiara il presidente di Aps holding – l’aumento degli introiti da multe ha avuto una variazione positiva del 20,3% tra primo semestre 2007 e lo stesso periodo di quest’anno. Nel primo semestre del 2008 siamo riusciti a recuperare più di 137 mila euro. Tuttavia siamo ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo che ci prefiggiamo».
«L’aumento del 10% dei controlli è il limite che ci permettono le nostre risorse di personale – insiste Levorato – tuttavia appena la prefettura ci darà il via libera, ai controllori di Aps verranno affiancate alcune guardie giurate che ci permetteranno di aumentare ulteriormente la presenza di squadre di controllori su tutte le linee».
«Il servizio di trasporto pubblico cittadino è in crescita, l’aumento delle utenze è costante, il prezzo del biglietto è fermo al 2005 – spiega il presidente di Aps – a maggio inoltre, non appena entrerà in funzione il capolinea Nord del tram, quello di San Carlo-Pontevigodarzere, è in previsione un tavolo di concertazione provinciale sul trasporto pubblico per riorganizzare le linee e permettere ai comuni dell’interland l’accesso al trasporto pubblico cittadino».
«Tuttavia abbiamo bisogno di una mano ad tutti – conclude Levorato – sia dai cittadini sia da tutti i nostri collaboratori, per assicurare una valida alternativa al trasporto privato».

(20 ottobre 2008) Fonte: http://espresso.repubblica.it/dettaglio-local/%C2%ABPortoghesi%C2%BB-nei-bus-Padova-come-Los-Angeles/2045480/6

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: