Casoria. Paura in centro, assalto al portavalori

Casoria. Paura in centro, assalto al portavalori

sabato 08 novembre 2008

In azione nell’affollato rione San Paolo. In quattro portano via 100mila euro.

di Domenico Maglione

Oltre centomila euro è il bottino di una rapina a un portavalori avvenuta ieri mattina in pieno centro a Casoria. Quattro i banditi entrati in azione alle 10,30 in via don Sturzo, angolo via Carmignano, per rubare gli incassi raccolti dal giro di 5 supermercati della zona da due vigilantes della società «La Fedelissima» con sede operativa a Torre del Greco. La dinamica è di quelle classiche: la Fiat Stilo berlina della società di vigilanza viene chiusa in mezzo a due auto nella stretta via Carmignano, strada a senso unico, proprio nei pressi della sede del distretto sanitario che si trova nel centralissimo rione San Paolo. Tre banditi scendono dalle macchine, tutti con il volto coperto e con occhiali scuri, uno dalla Fiat Punto che precede quella dei vigilantes e gli altri dalla macchina di dietro, una piccola Suzuki Wagon R. Fulminea la scena alla quale assistono atterriti anche decine di passanti: uno dei banditi con accento straniero, probabilmente slavo, punta un mitra contro il vigilantes alla guida della Stilo e gli intima di scendere mentre un complice, dal lato opposto, immobilizza l’altra guardia giurata.

Entrambi i vigilantes vengono obbligati a sdraiarsi, faccia a terra, sull’asfalto e tenuti sono tiro mentre il terzo rapinatore, invece, con una pesante catena in ferro manda in frantumi il vetro posteriore della Stilo rubando dal bagagliaio tre borse contenenti i soldi degli incassi dei supermercati. Subito dopo i tre malviventi si infilano nella Fiat Punto, alla guida della quale è rimasto il quarto complice con il motore acceso e pronto per la fuga, e si dileguano a tutto gas abbandonando la Suzuki Wagon, poi risultata rubata, usata per bloccare da dietro l’auto dei vigilantes. Immediati ma inutili i posti di posto istituiti dai carabinieri della locale compagnia diretti dal maggiore Paolo Cambieri. I militari dell’Arma che da giorni stanno intensificando anche i controlli sul territorio a tutela e a salvaguardia dell’incolumità dei cittadini, avviano subito le indagini avvalendosi anche dei nastri videoregistrati di alcuni centri commerciali della zona e di quello del distretto sanitario dell’Asl Napoli 3 nel tentativo di individuare gli autori della rapina e gli eventuali mandanti. Si spera di avere qualche indizio in più rispetto a quelli pochi e scarni raccolti sul posto del raid: la scena è stata talmente veloce – i banditi hanno agito con la freddezza tipica di professionisti del crimine – che nessuno pare sia riuscito a rendersi conto fino in fondo di quello che realmente accadeva. Solo dopo i primi attimi di smarrimento e quando i rapinatori ormai si sono dileguati viene lanciato l’allarme al 112 da parte di alcuni passanti. Sotto shock, intanto, i due vigilantes. «Abbiamo rischiato la vita per portare lo stipendio a casa», dice con voce tremolante uno di essi prima di sedersi stremato sul ciglio del marciapiede mentre i carabinieri della scientifica iniziano i rilievi di rito per l’esame delle impronte digitali.

Fonte: http://www.napolinord.info/index.php?optio…d=1782&Itemid=1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: