Frosinone: trova la fidanzata con l’amante e spara. Arrestato un vigilantes

Frosinone: trova la fidanzata con l’amante e spara. Arrestato un vigilantes

David Maccarone 42 anni di Roma, è stato arrestato la notte scorsa dai carabinieri della stazione di Amaseno (Frosinone) con l’accusa di tentato omicidio. L’uomo, guardia giurata in servizio nella capitale, ha sparato con la pistola di ordinanza all’addome di S.M. 33 anni sempre romano, dopo averlo trovato in una abitazione del piccolo comune in provincia di Frosinone in compagnia della sua fidanzata. La vittima è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata all’ospedale di Frosinone dove è stata sottoposta ad intervento chirurgico per fermare l’emorragia dopo che il proiettile era entrato ed uscito sfiorando il cuore. E’ in prognosi riservata

16/11/2008 Fonte: http://unionesarda.ilsole24ore.com/unione2…contentId=50764

Accoltellato a causa di una ragazza, ora è fuori pericolo

Accoltellato a causa di una ragazza, ora è fuori pericolo

L’aggressore avrebbe ammesso le sue responsabilità. Verrà interrogato nei prossimi giorni in carcere dal gip

Una brutale aggressione per una ragazza. Probabilmente contesa dai due protagonisti della brutta vicenda.
Sarebbe stata questa la causa scatenante della rissa e della tragedia (fortunatamente soltanto sfiorata) che venerdì sera ha radunato curiosi e forze dell’ordine nel piazzale esterno al centro commerciale “Cantù 2000” di corso Europa, appunto a Cantù.
Un litigio iniziato prima alla cassa del supermercato, poi continuato fuori e sfociato come detto in una rissa.
Tra le parole e gli insulti alla fine è spuntato anche un coltello, con cui è stato sferrato un colpo che ha provocato una grave ferita a una arteria vicino a un gluteo. Secondo la ricostruzione di carabinieri e 118, la vittima, un canturino di 24 anni, ha rischiato grosso. Ha perso molto sangue ed è stato salvato dall’immediato intervento chirurgico dei medici di Cantù.
Il ragazzo adesso, anche se tuttora sotto shock, si è ripreso nonostante sia trattenuto in osservazione nel reparto di Medicina dell’ospedale di Cantù.
Il suo aggressore, 30 anni da compiere, è invece finito in manette. Lo hanno bloccato subito i vigilantes del centro commerciale che lo hanno poi consegnato ai carabinieri, giunti quasi subito in corso Europa. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, avrebbe ammesso addebiti e circostanze (come il possesso del coltello) una volta portato in caserma.
Al momento l’imputazione per lui è di tentato omicidio e porto illegale di arma.
Verrà interrogato in carcere all’inizio della prossima settimana, quando il gip deciderà se lasciarlo in cella oppure rimetterlo in libertà.
Tra i due giovani, da quanto si è appreso, ci sarebbe una vecchia conoscenza e qualche “ruggine” per motivi davvero futili.

M. Rom.

16/11/2008 Fonte: http://www.corrieredicomo.it/frm_articoli.cfm?ID=90599

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: