Evade dagli arresti domiciliari preso e “salvato” dalle guardie giurate

Evade dagli arresti domiciliari preso e “salvato” dalle guardie giurate

Parlava al telefono cellulare passeggiando tranquillamente sotto i portici di piazza Piccapietra, pochi minuti prima di rientrare al lavoro, in un normale sabato pomeriggio. Si è sentita strattonare, mentre una mano le ha portato via il telefonino e gli occhiali da sole che aveva indosso. Pochi secondi di choc. Poi le urla della donna, 35 anni, si sono sentite in tutta la piazza e hanno attirato l’attenzione dei passanti. Protagonista della rapina un maghrebino che era evaso dagli arresti domiciliari.

Uno solo, però, si è lanciato d’istinto all’inseguimento di un giovane marocchino, Sannar Abderrazzaq di 27 anni, verso il vicino largo San Giuseppe. Lo straniero si è messo a correre a più non posso tentando di svoltare sotto i portici di galleria Mazzini, magari per avventurarsi nel centro storico e far perdere le proprie tracce. Ma, proprio sull’angolo, ha incontrato l’opposizione di un agente delle guardie giurate Lubrani che, con prontezza di riflessi, ha steso la gamba nel più classico degli “sgambetti” e l’ha fatto cadere a terra.

Il marocchino è finito a terra, tenuto d’occhio dalla guardia giurata e dall’uomo che aveva dato il via all’inseguimento. Poco dopo, è stata la vittima dello scippo a precipitarsi sul posto, ancora sotto choc per l’aggressione subita. «Mi ha rubato il telefonino e gli occhiali da sole, mi ha strattonata e poi è scappato» ha raccontato la donna, attorno alla quale, in attesa dei carabinieri, si è radunato un capannello di gente. Largo San Giuseppe, in pieno centro cittadino, si è in breve riempito: molti sono usciti dai negozi adiacenti, altri si sono fermati a guardare. Alcuni hanno circondato l’uomo steso a terra, che si lamentava per un dolore a una gamba. Sono volati minacce e insulti, mentre la guardia giurata e alcuni altri intervenuti hanno fatto cerchio attorno allo straniero, ancora bloccato a terra, per tenere la situazione sotto controllo. In pochi minuti, però, sono arrivati i carabinieri: i militari hanno portato via lo scippatore che è stato poi fermato con l’accusa di rapina impropria e risultato agli arresti domiciliari dai quali era evaso. La vittima dello scippo ha recuperato la refurtiva: il telefono cellulare e gli occhiali da sole, ormai ridotti in frantumi.

22/02/2009 Fonte: http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/savona/…e-giurate.shtml

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: