Lavoro, protesta delle guardie giurate In sette salgono sul Colosseo

Lavoro, protesta delle guardie giurate In sette salgono sul Colosseo

Sette persone, in rappresentanza delle guardie giurate dell’Istituto vigilanza Urbe si sono arrampicate sul Colosseo per protestare contro la cessione ai privati del loro ente che comporterebbe per 300 di loro la perdita del posto di lavoro. Un centinaio di colleghi intanto sta manifestando davanti all’Anfiteatro Flavio. I vigili del fuoco hanno gonfiato un grande materasso per scongiurare eventuali cadute. Per circa mezz’ora i manifestanti hanno bloccato via dei Fori imperiali ma dopo un’assemblea spontanea le guardie giurate hanno deciso di liberare la strada.

“Non tentate blitz per farci scendere, oppure quanto è vero Dio ci buttiamo e qualcuno dovrà prendersi la responsabilità” – ha detto al telefonino Giorgio, 52 anni, una delle sette persone che si sono arrampicate sull’Anfiteatro Flavio – Resteremo qui finchè non ci sarà data una risposta, perchè ci hanno tolto la dignità. Io ho 32 anni di servizio e domani non so come dare da mangiare a mia moglie. Finchè non otteniamo una risposta concreta da qui non ci muoviamo”.

I manifestanti sono lavoratori dell’associazione nazionale combattenti e reduci, un ente pubblico sotto il controllo del ministero della Difesa e della presidenza del Consiglio dei ministri. “Eravamo 960 lavoratori tra Roma e provincia – hanno spiegato – di questi, 660 si sono licenziati e si sono fatti riassumere dalla società Vigilanza dell’Urbe spa, nata apposta nel 2008. Noi 300 che non abbiamo aderito, da ieri a mezzanotte non abbiamo più incarichi”.

Intanto il commissario straordinario per la Ancr-Urbe Roma Lucio Francario, ha rassicurato i lavoratori che stanno protestando sul Colosseo: “Il lavoro c’è per tutti: basta andare in azienda e lo avranno. Se invece vogliono lo stipendio pubblico io non posso darglielo perchè non è mia competenzà: io non ho promesso questo, forse lo ha fatto qualcun altro”.

Cibo e acqua vengono portati con una carrucola alle sette persone che stanno protestando sul Colosseo. Sulle rovine di Colle Oppio è stato issato uno striscione del sindacato Rdb-Cub dell’Ancr, Associazione nazionale combattenti e reduci. I manifestanti in cima al monumento hanno steso uno striscione con su scritto: “Ancr-Istituto vigilanza Urbe: contro la precarietà”.

(14 agosto 2009)

Fonte: http://roma.repubblica.it/dettaglio/guardie-giurate-protestano-al-colosseo-in-cinque-salgono-sulle-arcate-piu-alte/1696746

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: