Nascoste all’interno del Policlinico buste con dosi di eroina e cocaina

Nascoste all’interno del Policlinico buste con dosi di eroina e cocaina

Le “Volanti” al lavoro per risalire all’identità dello spacciatore

Giuseppe Palomba

L’occhio attento di una guardia giurata ha consentito agli agenti dell’ “Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico” della polizia di Stato di recuperare un ingente quantitativo di cocaina e eroina. Droga che, secondo una prima stima approssimativa, una volta immessa sul mercato al dettaglio avrebbe fruttato svariate migliaia di euro.
Nel particolare, come confermato ieri mattina in conferenza stampa dal vicequestore Giusy Interdonato, funzionario della sezione “Volanti”, si tratta di 20 grammi di cocaina e 104 grammi di eroina. Lo stupefacente, all’interno di alcuni sacchetti di cellophane già diviso in dosi, è stato recuperato all’interno di un canale di scolo delle acque piovane a ridosso del muro di cinta.. Il “carico” era stato poi sistemato all’interno di una busta per lettere di colore giallo.
Ad avviare l’attività di indagine la segnalazione, giunta da parte di un vigilantes. Guardia giurata, in servizio alla porta lato mare del Policlinico, che ha riferito all’operatore del “113” di una persona che, con fare sospetto, si aggirava all’interno dell’area del nosocomio universitario sostando, con sempre maggiore frequenza, in prossimità del muro esterno. Così gli agenti, una volta presa anche la descrizione dello sconosciuto, si sono messi all’opera alla ricerca di qualcosa. Mai avrebbero pensato di trovare quel “tesoro”.
Tra le ipotesi che in questo momento vengono avanzate dalle forze dell’ordine, che cercano ovviamente riscontri, quella di un possibile “pusher” che aveva trovato, all’interno del Policlinico un posto sicuro dove posare lo stupefacente prima di venderlo al dettaglio. Questo, se confermato, spiegherebbe il perché della suddivisione della droga già in dosi. Altra ipotesi quella di una possibile consegna che doveva avvenire lontano da occhi indiscreti.
Gli agenti dell’ “Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico” stanno ora visionando, con l’apporto dei colleghi della Scientifica, i filmati registrati dai sistemi di televideosorveglianza dello stesso Policlinico e di alcuni esercizi commerciali della zona. La speranza è che possano trovarsi elementi utili all’identificazione dell’uomo che ha lasciato lo stupefacente.

26/11/2009 Fonte: http://www.gazzettadelsud.it/NotiziaArchiv…676&Edizione=13

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: