Vigilanza Privata: interrotta la trattativa

Vigilanza Privata: interrotta la trattativa

Si è interrotta la trattativa per il rinnovo del contratto nazionale della vigilanza privata che interessa circa 35000 lavoratori e che da quasi un anno prosegue senza che alcuna concreta proposta potesse far arrivare ad una soluzione condivisa.

Lo scorso 29 luglio si è tenuto un incontro alla presenza dei Segretari Generali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, nel corso del quale le associazioni datoriali, mostrandosi di fatto indisponibili a riprendere il negoziato sui singoli aspetti di merito contenuti nelle piattaforme rivendicative, hanno riproposto l’abusato repertorio di lamentele.
La disattenzione verso il settore da parte delle istituzioni, il dumping crescente che opprime il mercato dei servizi di vigilanza, l’insostenibilità del costo del lavoro per gli istituti e lo stato di forte sofferenza finanziaria cui sarebbero esposti per via dei ritardi nei pagamenti da parte della committenza, sono i problemi posti in evidenza dalle parti datoriali.

“C’è un parziale fondatezza nelle lamentele delle associazioni degli istituti di vigilanza” affermano in una nota le organizzazioni sindacali “ma le difficoltà generali del settore non possono costituire la motivazione per un rifiuto a proseguire la trattativa per rinnovare un contratto scaduto da ormai 19 mesi. Crisi e criticità di vario genere affliggono anche altri comparti nei quali, tuttavia, i contratti nazionali sono stati rinnovati”.

Una condizione di stallo, una situazione che non consente alcun prosieguo del confronto.

Le Segreterie nazionali di Filcams-Cgil, Fisasascat-Cisl e Uiltucs-Uil hanno deciso di richiedere l’intervento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e di dichiarare l’immediato stato di agitazione di tutta la categoria.

Entro il mese di settembre, inoltre, i sindacati di categoria organizzeranno uno sciopero di tutti gli addetti del settore, per manifestare tutta la loro contrarietà per la modalità con la quale è stata condotta la trattativa e per l’irresponsabilità delle associazioni datoriali.

30 luglio 2010 Fonte http://www.filcams.cgil.it/

Crisi, scioperano anche le Guardie giurate

Crisi, scioperano anche le Guardie giurate

Un corteo di uomini in divisa sfila al centro di Napoli Stipendi non pagati e riassunzioni mancate

Sit-in davanti la prefettura di Napoli

NAPOLI – Un corteo sfila al centro della città: nulla di strano se non fosse per la divisa che indossano. Stemmi, cinturoni e fregi sui colletti delle camicie: sono guardie giurate. Fanno rumore con i loro fischietti, cercano di attirare l’attenzione mentre si recano in prefettura per essere ricevuti. Sono visibilmente nervosi i dipendenti delle due società Italsecurity e Europol: «Grazie Italsecurity, sei la rovina delle nostre famiglie» recita lo striscione iniziale. Alcune guardie hanno molte mensilità non pagate, altre non hanno più neanche quelle e cinque giorni fa hanno cominciato lo sciopero della fame. Ma procediamo con ordine. La protesta è coordinata dalla Confael (Confederazione autonoma europea dei lavoratori). Ad essa si sono rivolti i dipendenti della Italsecurity, stanchi delle continue irregolarità nei pagamenti. Il segretario del sindacato Salvatore Di Bonito denuncia: «L’Italsecurity ha debiti con Equitalia per 2 milioni e mezzo di euro e chi ci va di mezzo, come al solito, sono i dipendenti. – Prosegue Di Bonito – Ci sono alcuni di loro che hanno otto mensilità arretrate. Non finisce qui, ci sono buste paga in cui l’azienda dichiara di versare i contributi, peccato che sia solo sulla carta perchè poi di fatto questi contributi non vengono versati».

Ben peggiore la sorte dei dipendenti Europol. La società nel 2009 aveva un contratto con la Gori, società per cui lavorava già da molto tempo. Lo stesso anno però dichiarò fallimento. Nella direttiva del capitolato d’appalto era stabilito che, qualora si fosse verificata questa evenienza, i dipendenti Europol che avevano lavorato lì per tanto tempo sarebbero rimasti al loro posto. Questo sarebbe avvenuto con il passaggio e l’assunzione nella nuova ditta appaltatrice. La nuova ditta è arrivata, la Cosmopol, ma le assunzioni no. «C’è una direttiva, perchè non è stata rispettata? Come andremo avanti?» dice una guardia giurata, «non ci rimane che lo sciopero della fame».

Michele Cartisano
28 luglio 2010

Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/…476101457.shtml

Rapina al Monte Paschi di Siena, spari contro la polizia

Rapina al Monte Paschi di Siena, spari contro la polizia

A Napoli in tre via con oltre 16 mila euro, si indaga

(ANSA) – NAPOLI, 7 LUG – Tre rapinatori a Napoli hanno messo a segno un colpo all’ agenzia del Monte dei Paschi di Siena, nel quartiere dei Colli Aminei.

Uno dei tre e’ entrato in banca disarmato ed e’ saltato dietro il bancone, impadronendosi di circa 16 mila euro. Poi e’ riuscito a prelevare altro denaro da un’altra cassa. All’ esterno, c’erano due complici: uno era armato di pistola e ha cercato di entrare, ma la guardia giurata non gli ha aperto e il malvivente ha sparato contro l’ingresso. Nella fuga uno dei rapinatori ha incontrato una volante e ha esploso due colpi di arma da fuoco che hanno colpito il parabrezza e il cofano.(ANSA).

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/cam…1850401963.html

Criminalita’: fallisce assalto a portavalori nel foggiano

Criminalita’: fallisce assalto a portavalori nel foggiano

Con tre automezzi hanno circondato furgone. Rapinatori in fuga

(ANSA) – CERIGNOLA (FOGGIA), 1 LUG – Tre persone non ancora identificate hanno tentato stamattina di compiere a Cerignola un assalto a un furgone portavalori.

Le guardie giurate che, a bordo di un furgone blindato, stavano trasferendo sacchi di danaro nella sede della posta centrale di Cerignola, in piazza Duomo, hanno notato che il mezzo blindato e’ stato affiancato da tre automezzi: un Fiorino, un furgone e una vettura con persone a bordo. Intuendo quello che stava per avvenire, le guardie sono entrate nell’ufficio postale, bloccando le porte. I malfattori sono fuggiti.(ANSA).

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/pug…1848436652.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: