Crisi, scioperano anche le Guardie giurate

Crisi, scioperano anche le Guardie giurate

Un corteo di uomini in divisa sfila al centro di Napoli Stipendi non pagati e riassunzioni mancate

Sit-in davanti la prefettura di Napoli

NAPOLI – Un corteo sfila al centro della città: nulla di strano se non fosse per la divisa che indossano. Stemmi, cinturoni e fregi sui colletti delle camicie: sono guardie giurate. Fanno rumore con i loro fischietti, cercano di attirare l’attenzione mentre si recano in prefettura per essere ricevuti. Sono visibilmente nervosi i dipendenti delle due società Italsecurity e Europol: «Grazie Italsecurity, sei la rovina delle nostre famiglie» recita lo striscione iniziale. Alcune guardie hanno molte mensilità non pagate, altre non hanno più neanche quelle e cinque giorni fa hanno cominciato lo sciopero della fame. Ma procediamo con ordine. La protesta è coordinata dalla Confael (Confederazione autonoma europea dei lavoratori). Ad essa si sono rivolti i dipendenti della Italsecurity, stanchi delle continue irregolarità nei pagamenti. Il segretario del sindacato Salvatore Di Bonito denuncia: «L’Italsecurity ha debiti con Equitalia per 2 milioni e mezzo di euro e chi ci va di mezzo, come al solito, sono i dipendenti. – Prosegue Di Bonito – Ci sono alcuni di loro che hanno otto mensilità arretrate. Non finisce qui, ci sono buste paga in cui l’azienda dichiara di versare i contributi, peccato che sia solo sulla carta perchè poi di fatto questi contributi non vengono versati».

Ben peggiore la sorte dei dipendenti Europol. La società nel 2009 aveva un contratto con la Gori, società per cui lavorava già da molto tempo. Lo stesso anno però dichiarò fallimento. Nella direttiva del capitolato d’appalto era stabilito che, qualora si fosse verificata questa evenienza, i dipendenti Europol che avevano lavorato lì per tanto tempo sarebbero rimasti al loro posto. Questo sarebbe avvenuto con il passaggio e l’assunzione nella nuova ditta appaltatrice. La nuova ditta è arrivata, la Cosmopol, ma le assunzioni no. «C’è una direttiva, perchè non è stata rispettata? Come andremo avanti?» dice una guardia giurata, «non ci rimane che lo sciopero della fame».

Michele Cartisano
28 luglio 2010

Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/…476101457.shtml

Annunci

Una Risposta

  1. ATTO CAMERA
    INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/05555
    Dati di presentazione dell’atto
    Legislatura: 16
    Seduta di annuncio: 261 del 22/12/2009
    Firmatari
    Primo firmatario: BORGHESI ANTONIO
    Gruppo: ITALIA DEI VALORI
    Data firma: 22/12/2009
    Destinatari
    Ministero destinatario:
    • MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
    • MINISTERO DELLA DIFESA
    Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 22/12/2009
    Stato iter:
    IN CORSO
    Fasi iter:
    MODIFICATO PER MINISTRO DELEGATO IL 25/01/2010
    ATTO MODIFICATO IL 27/01/2010
    Atto Camera

    Interrogazione a risposta scritta 4-05555
    presentata da
    ANTONIO BORGHESI
    martedì 22 dicembre 2009, seduta n.261

    BORGHESI. –
    Al Ministro della giustizia, al Ministro della difesa.
    – Per sapere – premesso che:
    la signora Milica Cupic, cittadina italiana, lamenta una serie di comportamenti quanto meno opinabili di organi della giustizia militare e civile in ordine a fatti da lei denunciati;
    in più occasioni ed in data 4 ottobre 2003, la signora Cupic ha denunciato gravi fatti a sua detta ascrivibili a personaggi identificati e identificabili. In particolare riferiti al suo ex marito, generale a due stelle e dunque alta carica dell’Esercito italiano, che ella ebbe a denunciare già nel 1996 in relazione alla morte violenta della propria figlia e di un sottoufficiale dell’Esercito avvenuta il 3 febbraio 1986;
    secondo quanto riferito dalla stessa signora Cupic ella avrebbe altresì avuto modo di segnalare come un alto grado della Guardia di Finanza avrebbe favorito la promozione al suo ex marito. Tale personaggio sarebbe poi diventato Comandante Generale della Guardia medesima;
    la Procura della Repubblica di Roma, dopo aver ricevuto l’esposto firmato dalla signora Cupic, lo avrebbe trasmesso al Procuratore Aggiunto, dottor Ettore Torri, come esposto anonimo, mentre, ad avviso dell’interrogante, ne risultava esattamente identificato il soggetto che lo aveva inviato;
    tali denunce sono state archiviate, ma è evidente che in tal caso la signora Cupic avrebbe dovuto essere indagata per calunnia, cosa che non è mai avvenuta; sembra per la verità che la denuncia della signora Cupic in merito alla morte del Sottoufficiale e della propria figlia siano state archiviate, giustificandole con il fatto che la signora sarebbe affetta da «sindrome delirante lucida» e che di ciò la procura militare, per quanto riferito dall’interessata, sarebbe stata informata nel 1996, in modo improprio dal Tenente Colonnello dottor Corrado Ballarini di Bologna. La Cupic ha avuto più incontri, di sua spontanea volontà con il Capitano psichiatra criminologo Marco Cannavici nel 1995 presso il Policlinico Militare Celio di Roma, il quale fece in effetti un rapporto al direttore del Celio pro tempore sullo stato psicologico della signora, nel quale tuttavia mai pronunciò la diagnosi che avrebbe portato all’archiviazione;
    in data 15 gennaio 2005, la signora Cupic presentò alla procura militare di Roma una formale denuncia contro il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Giulio Fraticelli, per «omissioni in atti d’ufficio», in relazione alle denunce presentate nei confronti dell’ex marito ed alla documentazione a suo dire inviata al generale Pompegnani. Il generale Fraticelli avrebbe comunicato alla signora Cupic di aver relazionato al procuratore Intellisano, il quale per altro in un incontro avvenuto con la Cupic il 7 dicembre 2004, negò di aver mai ricevuto nulla;
    della denuncia di cui sopra esiste traccia nella lettera che la procura militare della Repubblica presso il tribunale militare di Roma ha inviato allo studio legale Lombardi in data 16 maggio 2005, (Numero 8/C/04INT «mod. 45» di protocollo) a firma del Procuratore Intellisano;
    nel dicembre 2004 la Cupic ebbe a presentare una denuncia alla Procura Militare contro il Tenente Colonnello Ballarini inviandola al A.G. Maresciallo Cervelli -:
    di quali informazioni dispongano sulla vicenda e se intendano adottare iniziative nell’ambito delle proprie competenze. (4-05555)=CONCETTUALE; delitto contro la persona, esercito, giurisdizione militare, magistrato ====!.
    ALLA CORTESE ATTENZIONE DEL RISPETTABILE signor PRESIDENTE della REPUBBLICA On. GIORGIO NAPOLITANO. Signor Presidente, io a Lei mi rivolgo come al CAPO SUPREMO di tutte le FORZE ARMATE e della Giustizia. A voi signori (pochi onesti rimasti) dalle Istituzioni, agli signori che Amministrano il soggetto legge della nostra Costituzione, (anche di essi pochi onesti sono rimasti). Io mi rivolgo a voi signore/i del nostro popolo ITALIANO e di aiutarmi, sostenermi in questo cammino pieno di strade impervie, (tante vie ho percorso sterilmente per quanto riguarda la legge). Le arterie della legalità sono sature dei soggetti corrotti, violenti, calunniatori, diffamatori, maligni, le iene, falsificatori dei documenti ufficiali e destinati alle A.G. compiacenti e non solo tali,. Io sono una vittima di tutti questi elementi terribilmente prepotenti e che abusano del loro potere (che non hanno) come meglio li aggrada pur di salvare della giusta galera loro amici, amici dei amici, la LORO politica sporca! Anzi, putrefatta!!Non ho ancora una mia pagina, la avrò presto, chiedo scusa agli signori dove pubblico la mia presente, siete gentili. Dopo atto parlamentare allego un’altra pagina per fare qualche nome dei soggetti INSABBIATORI, e che ora denuncio al mondo intero,. Ovviamente mi soffermo solo sul essenziale per informarvi di taluni nomi, un altro motivo è; se mi fanno fuori (come hanno gia varie volte tentato, li denunciati), per favore almeno voi gente del popolo non state zitti. Passa parola. Grazie mille. Milica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: