Aggrediscono guardia giurata Fuggono con la posta della banca

Aggrediscono guardia giurata Fuggono con la posta della banca

Montecatini, 20 maggio 2011 – Assaltano in tre una guardia giurata per rapinare i soldi della banca, ma fuggono con… la posta. E’ accaduto ieri intorno alle 14 in via del Colombini a Capannori alla filiale della ‘Banca di Credito Cooperativo di Pescia’. Per la verità i banditi si sono portati via anche la pistola Beretta calibro 9 della ‘vigilante’, una 42enne di Pescia in servizio alla «Sicuritalia» di Pistoia, atterrata e legata fuori della banca. Ma il bottino appare davvero magro: documenti senza valore. Un buco nell’acqua, insomma.

Tutto è accaduto in pochi drammatici attimi all’esterno della banca in via dei Colombini, in pieno centro. Come ogni giorno, intorno alle 14 è arrivata una vettura della «Sicuritalia» per la consegna e il ritiro di plichi postali della ‘Banca di Credito Cooperativo di Pescia’. Materiale interno all’istituto di credito, carte senza alcun valore che non contenevano neppure dati rilevanti dei clienti con i quali ipotizzare truffe o altri reati. I banditi però pensavano che la guardia giurata in realtà consegnasse buste con il denaro, cosa che invece avviene normalmente con il furgone blindato.

E sono entrati in azione con un blitz che è apparso, per tutto il resto, ben studiato. Mentre la guardia, scesa dalla vettura, si dirigeva allo sportello su un lato dell’edificio, sono scesi in tre da una ‘Panda’ bianca, tutti con il volto coperto da passamontagna, probabilmente italiani. Uno ha sorpreso la ‘vigilante’ alle spalle, l’ha fatta inciampare e messa a terra. Poi con una mossa fulminea le ha tolto la pistola.

“Stai tranquilla — le ha detto il bandito — non ti facciamo del male…”. Il malvivente ha legato le mani della donna con dei lacci di plastica, poi ha afferrato le buste ed è fuggito insieme ai complici. “Questa — ha aggiunto indicando la Beretta calibro 9 — la gettiamo via tra un po’, qua vicino, non preoccuparti…”. La vigilante a quel punto ha dato l’allarme. Sul posto sono accorsi i carabinieri di Capannori, che hanno effettuato una serie di controlli nei dintorni. Nessuna traccia tuttavia della vettura usata dai banditi e neppure della pistola rubata. E’ possibile comunque che l’arma sia stata gettata in qualche fosso nei dintorni, anche perché chiunque ne sia ora in possesso rischia grosso.

La rapina, durante la quale i tre malviventi non hanno mostrato armi, resta un piccolo giallo. Era studiata nei dettagli, ma clamorosamente fuori… bersaglio per quanto riguarda il bottino. Appena due mesi fa, il 14 marzo, tre ingegnosi banditi avevano rapinato la stessa filiale di Capannori facendo improvvisamente irruzione dal bagno. Avevano smontato in anticipo le vetrate e le protezioni della finestra del bagno, aggirando così i controlli. Allora il bottino fu di 30mila euro.

Paolo Pacini

Fonte: http://www.lanazione.it/montecatini/cronac…rediscono.shtml

Vigilantes decimati dalla crisi «Riordinare la professione»

Sicurezza. Nell’ultimo anno quasi 2mila guardie giurate hanno perso il posto

Vigilantes decimati dalla crisi «Riordinare la professione»

Ancona (Assiv): siamo complementari alle forze dell’ordine
MILANO Monica Lang Nemmeno il settore della vigilanza è al riparo dai colpi della recessione e, anzi, subisce la concorrenza del portierato. A denunciare la progressiva erosione di quote di mercato sono le cifre elaborate dall’Assiv (Associazione nazionale delle imprese di vigilanza) sui dati Inps relativi agli occupati del comparto. In Lombardia, dove nel 2010 erano attivi 102 istituti complessivamente, guardie giurate e dipendenti sono stati decimati del 10% circa, 1.727 persone in meno. Numeri significativi anche in considerazione del fatto che Milano, con la grande committenza privata, è la seconda piazza dopo Roma nel mercato della vigilanza. E con le sue 7.015 guardie giurate, il 16,2% del totale nazionale, la Lombardia resta comunque la regione con il più alto numero di guardie dopo il Lazio. «Nel nostro settore, un calo degli occupati si legge automaticamente con un calo dei fatturati spiega Antonio Ancona, segretario generale dell’Assiv in quanto vendiamo ore/uomo. Meno guardie giurate significa meno lavoro per le imprese». Il settore della sicurezza armata, 860 istituti in tutta Italia e un fatturato di 2,4 miliardi nel 2008 (ultimo dato disponibile), annovera servizi molto diversi tra loro: si va da dalla vigilanza antirapina all’antitaccheggio, dalla telesorveglianza al monitoraggio e intervento su allarmi e poi deposito, custodia e trasporto di valori. Oltre al problema del portierato, l’altro fenomeno negativo per il settore è determinato dai network di intermediazione, che provocano un’aggressione delle tariffe spesso al di sotto delle soglie minime indicate dal contratto collettivo. Non esistendo a oggi aziende di vigilanza in grado di coprire l’intero territorio nazionale, il committente notoriamente il settore bancario, che pesa per una quota di circa il 15% sul giro d’affari per evitare la moltiplicazione di contratti e interlocutori si rivolge agli intermediatori, che trattano l’appalto su scala nazionale e contrattano poi le tariffe con i diversi operatori sul territorio. Questo genera una corsa al ribasso dei prezzi del servizio. Dai dati elaborati, il quadro lombardo dei tagli si mostra piuttosto disomogeneo: se Como raggiunge un picco negativo pari a -24%, Mantova, Brescia e Sondrio restano sotto la media regionale del 10%, mentre le province di Varese, Bergamo e Pavia, in controtendenza, aprono nuovo filiali. In soccorso al settore, il 16 marzo scorso è entrato in vigore il decreto ministeriale del primo dicembre 2010 che riordina i requisiti organizzativi e professionali per le imprese di vigilanza privata e individua “obiettivi sensibili” e siti che presentano “speciali esigenze di sicurezza” la cui vigilanza, se non vi provvedono le forze di polizia, dovrà essere affidata alle guardie giurate. Tra i target elencati nel documento del ministero dell’Interno sono menzionati aziende pubbliche e private dei settori dell’energia e delle comunicazioni: centrali elettriche e telefoniche, raffinerie, emittenti radiotelevisive. Ospedali, strutture pubbliche con centri di elaborazione dati, tribunali, musei e pinacoteche sono invece considerati luoghi con speciali esigenze di sicurezza. «Le norme del decreto ministeriale sono un passo avanti verso una maggiore qualificazione del settore della vigilanza privata commenta Ancona e hanno il pregio di riconoscere il nostro comparto come soggetto complementare e sussidiario alle forze di polizia». RIPRODUZIONE RISERVATA
Sul territorio. La Lombardia ha il più alto numero di guardie giurate dopo il Lazio

7.015

Tagli. Como è la provincia dove si registra il picco negativo di perdite di posti di lavoro

-24%

NUOVI SBOCCHI

Il decreto. In soccorso al settore, il 16 marzo scorso è entrato in vigore il decreto ministeriale del primo dicembre 2010 che riordina i requisiti organizzativi e professionali per le imprese di vigilanza privata e individua «obiettivi sensibili» e siti che presentano «speciali esigenze di sicurezza» la cui vigilanza, se non vi provvedono le forze di polizia, dovrà essere affidata alle guardie giurate I target. Tra i target elencati le aziende pubbliche e private dei settori dell’energia e delle comunicazioni: centrali elettriche, raffinerie, centrali telefoniche, emittenti radiotelevisive

Fonte: http://rassegna.provincia.bergamo.it:81/Articles/20110518/Art00026_20110518.htm

Nuoro, il Questore sospende le licenze a 5 guardie giurate dopo una rapina ad un portavalori

Nuoro, il Questore sospende le licenze a 5 guardie giurate dopo una rapina ad un portavalori

Nuoro – (Adnkronos) – Gli agenti della Metropol Sarda sono accusati di aver commesso gravi omissioni personali e negligenze perché non avevano attuato tutte le disposizioni e istruzioni che riguardano la scorta dei valori e la sicurezza degli operatori

Nuoro, 20 mag. – (Adnkronos) – Gravi omissioni personali e negligenze perche’ non avevano attuato tutte le disposizioni e istruzioni che riguardano la scorta dei valori e la sicurezza degli operatori. Con queste motivazioni, dopo le indagini della squadra mobile, il questore di Nuoro Pierluigi D’Angelo ha sospeso dal servizio cinque Guardie Giurate della Metropol Sarda.

Il provvedimento si riferisce alla rapina effettuata il 1° giugno dell’ano scorso, da un commando di almeno sei malviventi, mascherati ed armati di fucili, che alle 7,45 del mattino riuscirono rapinare un furgone portavalori dell’istituto di Vigilanza ”La Metropol Sarda” dopo averlo bloccato in zona di Villanova Strisaili e dopo aver immobilizzato le tre guardie giurate di scorta. I rapinatori si impossessavano delle valigette di sicurezza contenenti complessivamente oltre 500 mila euro.
L’attivita’ investigativa svolta dalla Squadra Mobile, ha messo in luce gravi omissioni e negligenze da parte delle stesse Guardie Giurate e dopo gli accertamenti amministrativi, la gli uomini della squadra mobile, coordinati da Fabrizio Mustaro, hanno individuato precise responsabilita’ personali dei vigilantes.
Il questore, alla luce dei riscontri, ha quindi applicato la sanzione amministrativa della sospensione dal servizio per sette mesi a due delle Guardie Particolari Giurate di scorta al furgone. Sempre per condotte negligenti nell’organizzazione del servizio, altre tre Guardie dello stesso Istituto, che quel giorno avevano svolto attivita’ connesse alla sicurezza del portavalori, sono state sospese per otto mesi.
Alla luce delle gravi violazioni e dei ”comportamenti omissivi accertati durante lo svolgimento del servizio di trasporto valori”, il questore ha deciso di avviare anche una serie di controlli nei confronti degli altri Istituti di Vigilanza che svolgono questo servizio in provincia di Nuoro.

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Sarde…2037699548.html

Team Guardie Giurate anche su Facebook

Team Guardie Giurate anche su Facebook

Di seguito i link per accedere al Team Guardie Giurate su facebook

Gruppo Team Guardie Giurate Cliccando il seguente link www.facebook.com/group.php?gid=41215681692

Pagina news Team Guardie Giurate Cliccando il seguente linwww.facebook.com/pages/GUARDIE-GIURATE-IL-TEAM/49730876708

Una volta entrati basta cliccare su iscriviti

Per la pagina wordpress cliccate il seguente link http://guardiegiurate.eu

Per il sito cliccate il seguente link http://clubguardiegiurate.forumcommunity.net

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: