La Vigilante, scatta maxi sequestro

La Vigilante, scatta maxi sequestro

TARANTO – Per una evasione fiscale da due milioni di euro scatta un maxi sequestro nei confronti dell’istituto “La Vigilante”. La Guardia di Finanza ha eseguito un sequestro preventivo “per equivalente” di beni mobili, immobili e di disponibilità finanziarie per oltre 2 milioni di euro nei confronti del noto istituto di vigilanza privata che ha sede a Leporano. Sono stati i militari del Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle tarantine a mettere i sigilli, su disposizione del giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Taranto che ha accolto la richiesta della Procura jonica,

a due appartamenti, a due aree adiacenti i fabbricati, un locale adibito a garage, un locale commerciale, un terreno agricolo, diciassette autovetture aziendali, una imbarcazione di circa dieci metri e a titoli e disponibilità finanziarie. L’operazione che è stata condotta dai finanzieri della caserma di via Scoglio del Tonno e che rientra nell’ambito di un “piano straordinario di revisione del settore della vigilanza complementare” promosso dalla Prefettura del capoluogo jonico rappresenta la conclusione delle indagini svolte nei confronti dell’istituto di vigilanza privata, che hanno consentito di scoprire una evasione fiscale per un importo di oltre 2 milioni di euro, per l’omesso versamento dell’Iva risultante dalle dichiarazioni relative agli anni d’imposta 2007, 2008 e 2009. Il rappresentante legale della società è stato segnalato all’autorità giudiziaria per violazione dell’art. 10-ter del decreto legislativo 74/2000. Il giudice oltre ad aver emesso il decreto di sequestro ha nominato un amministratore giudiziario . “L’atto del giudice delle indagini preliminari che assicura l’amministrazione della società – dice il comandante provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Nicola Altiero, garantendo così la prosecuzione dell’attività commerciale e, di conseguenza, il mantenimento del posto di lavoro per gli oltre cento dipendenti”. Un grosso sequestro di beni immobili, di macchine aziendali e di disponibilità finanziarie per una maxi evasione del fisco ma che con la contestuale nomina dell’amministratore giudiziario che si pone l’obiettivo di tutelare, quindi, i livelli occupazionali in un periodo piuttosto nero per l’economia e di conseguenza per l’occupazione con una crisi che purtroppo sta investendo tutti i settori, compreso quella della vigilanza privata e della sicurezza.

25/05/2011 Fonte: http://www.tarantosera.info/index.php?opti…tte&Itemid=1028

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: