Segrate, spara al ladro e lo riduce in fin di vita

La Nazione

Segrate, spara al ladro e lo riduce in fin di vita

Guardia giurata sorprende malviventi in un’azienda e non esita a usare la pistola. La banda stava facendo razzia di rame

Foto generica: carabinieri

Segrate, 30 giugno 2011 – Una guardia giurata ha sparato contro una banda di ladri nel tentativo di metterli in fuga, ma il colpo è partito ad altezza uomo ferendo gravemente un giovane romeno. È accaduto ieri sera a Segrate, all’interno di un capannone dismesso di via Reggio Emilia, nel quartiere di Redecesio. Il vigilante di una società privata avrebbe infatti sorpreso alcuni uomini, non è certo se tre o quattro, all’interno dei vecchi laboratori della ex Sogim, una società di ricerca nel campo elettrico. I ladri stavano probabilmente cercando il rame. La guardia giurata pare abbia prima urlato, poi estratto la pistola e fatto fuoco. Non c’è stato nessun conflitto, dopo il colpo di pistola esploso all’improvviso i ladri sono fuggiti, cercando di mettere in salvo anche il ferito, un ventiseienne romeno, colpito al collo. I complici hanno caricato il ragazzo sul furgone, poi sono fuggiti in direzione di Milano. Arrivati in zona Lambrate, in via Gaetano Crespi, hanno scaricato il ferito, abbandonandolo per strada. Qui è stato subito soccorso da un’ambulanza del 118, che lo ha trasportato fino al pronto soccorso del San Raffaele, dove è ricoverato in prognosi riservata. Il ragazzo è gravissimo, ha una brutta ferita al collo e, fino a ieri sera, era in condizioni stabili in attesa di essere operato d’urgenza. La guardia giurata è stata immediatamente sentita dai carabinieri della Compagnia di San Donato.

di Patrizia Tossi

Fonte: http://www.ilgiorno.it/martesana/cronaca/2011/06/30/534750-segrate.shtml

Annunci

Ancora uno scontro in scooter ieri nel Veronese: muore guardia giurata 38enne

Il Gazzettino

Ancora uno scontro in scooter ieri nel Veronese: muore guardia giurata 38enne

VERONA – Una guardia giurata veronese di 38 anni ha perso la vita in un incidente avvenuto ieri sera sulla Tangenziale Sud, all’altezza dello svincolo di San Martino Buon Albergo (Verona).

L’uomo era alla guida di uno scooter che si è schiantato contro un furgone. Trasportata all’ospedale di Borgo Trento in condizioni disperate, la guardia giurata è morta poco dopo.

Martedì 28 Giugno 2011 Fonte: www.gazzettino.it/articolo_app.php?id=39551

Incidente mortale Guardia giurata perde la vita in un frontale

Il Giorno

Incidente mortale Guardia giurata perde la vita in un frontale

Grosseto – La vittima: Giuseppe Alampi di 55 anni. L’incidente sarebbe avvenuto intorno alle 4 in località Pian d’Alma, tra Castiglione della Pescaia e Punta Ala. Ancora da accertare le cause dello scontro.

Grosseto, 25 giugno 2011 – Incidente stradale mortale, è avvenuto stamane alle prime luci dell’alba, in provincia di Grosseto.
Erano le 4 quando il 55enne Giuseppe Alampi, originario della Calabria ma residente nel capoluogo maremmano, ha perso la vita in uno scontro frontale tra la sua auto e un’altra vettura che veniva dalla direzione di marcia opposta.

L’incidente, le cui cause sono ancora da accertare, è avvenuto sulla strada che da Castiglione della Pescaia conduce a Punta Ala.

Fonte: http://www.lanazione.it/toscana/cronaca/20…e_mortale.shtml

CCNL VIGILANZA PRIVATA LETTERA ASSIV ALLE OO.SS.

CCNL VIGILANZA PRIVATA LETTERA ASSIV ALLE OO.SS.

Cliccando il seguente link http://clubguardiegiurate.forumcommunity.net/?t=46350460#entry323225675

FALLITO ASSALTO A PORTAVALORI SULL’A/14 A CANOSA DI PUGLIA

FALLITO ASSALTO A PORTAVALORI SULL’A/14 A CANOSA DI PUGLIA

(AGI) – Bari, 10 giu. – Una rapina ad un furgone portavalori e’ stata tentata sulla carreggiata sud della A/14, nel territorio di Canosa di Puglia, da alcuni banditi che con due vetture hanno prima sbarrato la strada all’automezzo blindato, e poi hanno sparato contro il furgone. Le guardie giurate che erano a bordo hanno pero’ reagito al fuoco, sparando con le armi di ordinanza e costretto i banditi alla fuga. I malfattori hanno abbandonato sul posto un “fuoristrada”, e sono fuggiti a piedi nelle campagne circostanti e a bordo di una vettura di grossa cilindrata. Secondo uno dei “vigilantes”, uno dei banditi potrebbeessere rimasto ferito nel conflitto a fuoco. Indagini della polizia sono in corso per risalire ai malfattori.

(AGI) bat1/Tib

Fonte: http://www.agi.it/bari/notizie/20110610110…anosa_di_puglia

Attività di vigilanza abusiva, la ditta rischia ora la revoca o la sospensione della licenza

Attività di vigilanza abusiva, la ditta rischia ora la revoca o la sospensione della licenza

(Fda) Il prezzo orario era inferiore e così un cantiere per la costruzione di una centrale elettrica fotovoltaica, in aperta campagna nei pressi di Perugia, ha scelto di affidare la vigilanza a un dectective privato, un investigatore in regola, al posto di una guardia giurata.
Peccato che un controllo amministrativo al cantiere, da parte della divisione amministrativa della questura di Perugia, abbia fatto emergere l’irregolarità e scattare una denuncia e una segnalazione alla Prefettura circa l’agenzia di investigazione -che ora rischia la revoca sospensione della licenza- per aver “adibito illecitamente il proprio dipendente a mansioni che non poteva svolgere, esponendolo tra l’altro a gravi rischi”.
“L’utilizzo di guardie giurate armate per la vigilanza alla proprietà è imposto dalle leggi -spiegano dalla questura- perché solo un operatore in uniforme, armato, adeguatamente equipaggiato ed in costante contatto radio con la propria centrale operativa può assicurare una idonea vigilanza a beni di ingente valore senza mettere a rischio la propria incolumità”. Gli investigatori, al contrario, non sono armati e non hanno uniforme, e possono svolgere solo i compiti espressamente previsti per legge e riportati nella licenza rilasciata dal Prefetto.
I poliziotti hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria il titolare della Agenzia di Investigazioni della città per violazioni al Tulps, per aver effettuato abusivamente attività di vigilanza.

06/06/2011 Fonte: http://tuttoggi.info/articolo/32871/

Polsarda, soluzione per i vigilantes Si smonta il presidio in piazza d’Italia

Polsarda, soluzione per i vigilantes  Si smonta il presidio in piazza d’Italia

SASSARI. Il sit-in, dopo due mesi di occupazione, assomiglia più a una piazzola di un campeggio. Man mano sono state aggiunte sedie, tavoli e teli attorno agli striscioni di protesta. Ma da questa mattina non farà più parte del colpo d’occhio di Piazza d’Italia. I 45 vigilantes ora in mobilità saranno riassorbiti dalle società che prenderanno gli appalti della Polsarda. E quindi il presidio si può finalmente smobilitare, come è successo questa mattina quando le guardie giurate in poco tempo e con il sorriso hanno piegato i teli, tolto gli striscioni di protesta, diventati ormai scuri, e piegato le sdraio. Erano lì dal 4 aprile, quando, dopo varie proteste hanno deciso di incatenarsi sulla gradinata e poi di iniziare la mobilitazione ad oltranza.

La vertenza. Da dicembre i lavoratori non ricevevano lo stipendio dalla Polsarda, l’azienda di Giuseppe De Martis, pressata dai debiti. In tutto 220 vigilantes e impiegati nell’isola, lavoravano per le pubbliche amministrazioni e per i privati in luoghi pubblici come aeroporti e ospedali. Alcuni, circa la metà, sono stati assorbiti dall’Associazione temporanea d’impresa (Ati), altri hanno preso strade diverse e ora ne sono rimasti 45. Per loro, grazie alla contrattazione dei sindacati, una soluzione c’è: il salvataggio da parte di altre società, attive nelle vigilanza. Verranno assunti per tre mesi fino alla nuova gara d’appalto, poi, così dice l’accordo, il contratto sarà a tempo indeterminato. Questa la clausola dell’Asl, almeno. E così le guardie giurate che finora erano in ferie forzate sono ben contente di tornare a casa nella speranza che ci sia un nuovo inizio lavorativo al di là della Polsarda.

Intanto circa un mese fa la Polsarda ha portato i libri in tribunale e dovrebbe essere un giudice a stabilire in che ordine dovrebbero essere pagati i debiti.

di Monia Melis

01/06/2011 Fonte: www.sassarinotizie.com/articolo-539…a_d_italia.aspx

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: