Piazza Canneto, rapinano una guardia giurata: arrestati

Piazza Canneto, rapinano una guardia giurata: arrestati

Si tratta di due giovani di 19 e 20 anni. I due si trovano attualmente ai domiciliari, grazie alla mediazione del loro avvocato

di Mario Parisi 18/08/2011

Rapine

 Avevano tentato di rapinare l’arma di ordinanza ad una guardia giurata, un uomo di 52 anni che stava tornando a casa dopo il turno di lavoro minacciandolo con una pistola a salve nei pressi di Piazza Canneto, in via Petrella. Ma il vigilante, molto più esperto di loro, ha reagito ed ha estratto l’arma ferendo ad un braccio, uno dei due giovani banditi. I malviventi poi sono scappati ma sono stati rintracciati al pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini, dove sono stati arrestati dai carabinieri del nucleo radiomobile.

Ora R. P., di 19 anni e F. B., di 20, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono stati trasferiti agli arresti domiciliari dopo che il loro avvocato difensore, è riuscito a convincere il gip che i due meritavano una misura meno afflittiva del carcere, come racconta Il Giornale di Napoli.

Il primo (che è stato medicato per una “ferita da arma da fuoco al braccio destro con frattura composta del 3° medio omerale, guaribile in 30 giorni) è piantonato nel padiglione Palermodell’ospedale Cardarelli, l’altro è in una cella del carcere diPoggioreale.

I militari dell’Arma hanno anche recuperato e sequestrato la pistola a salve usata per il tentativo di rapina e lo scooter usato dai due banditi, trovato davanti al pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini.

Fonte: http://vomero.napolitoday.it/arenella/rapinano-guardia-giurata-arrestati-due-giovani.html

 

Furti, rapine e inseguimenti tra guardie e ladri

Furti, rapine e inseguimenti tra guardie e ladri

Furti, rapine in strada, inseguimenti tra guardie e ladri. Accade tutto a Genova, in poche ore. Si comincia in via Pammatone, è passata da poco la mezzanotte quando un rumore di vetri infranti proveniente da una finestra di un civico di quella via, attira l’attenzione di due guardie giurate che stanno facendo la sorveglianza in zona.
I due agenti vedono due sagome correre nel buio verso la strada principale, chiamano subito una volante della Questura e iniziano l’inseguimento dei ladri.
Passa poco tempo e la polizia è sul posto ad arrestare i malviventi: si tratta di due cittadini italiani pregiudicati di 37 e 41 anni, che sono riusciti ad entrare in un ufficio di articoli per informatica e a portar via dai cassetti oltre 600 euro in contanti. Bottino che durante la fuga i due hanno gettato a terra, sperando forse di riuscire a recuperarla dopo aver depistato le guardie.
Il secondo episodio avviene dopo le tre del mattino, nel cuore della notte, a piazza Sant’Elena. Un ragazzo di 17 anni sta camminando insieme a un amico, quando due sudamericani lo avvicinano e lo derubano di portafogli e cellulare.
Lui cerca di inseguire i due stranieri che reagiscono prendendolo a pugni, ma il ragazzo resiste e recupera i suoi oggetti personali. Ai ladri restano solo 50 euro.
Mentre nel pomeriggio verso le 18.45 la polizia di Stato è intervenuta per due sopralluoghi: il primo in via Molassana dove i ladri sono entrati in una casa portando via oggetti vari, il cui valore è ancora da quantificare.
E alle due del mattino in un’edicola di via Bolzaneto per un tentato furto: qui i malviventi sono stati disturbati dall’arrivo del proprietario dell’edicola e sono fuggiti senza essere riusciti a rubare nulla.

19 agosto 2011 Fonte: http://www.ilgiornale.it/genova/furti_rapine_e_inseguimenti_guardie_e_ladri/19-08-2011/articolo-id=540828-page=0-comments=1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: