Guardia muore intrappolata nel blindato, la moglie: vogliamo capire cos’è successo Massimo Fontanelli ha perso la vita dopo un malore

Guardia muore intrappolata nel blindato, la moglie: vogliamo capire cos’è successo

Massimo Fontanelli ha perso la vita dopo un malore

REGGIO EMILIA (26 agosto 2011) –All’indomani della morte di Massimo Fontanelli, la guardia giurata che mercoledì scorso ha avuto un malore mentre era chiuso nel furgone portavalori che conduceva, fa inevitabilmente sorgere dubbi: è normale, da parte di chi gli voleva bene, domandarsi se mai sarebbe stato possibile salvarlo. E’ umano, alla scomparsa di una persona cara, cercare di capire i motivi di un evento tanto doloroso, tanto più se inaspettato. Per la morte di Fontanelli, certi dubbi sono resi più pesanti da quegli interminabili attimi in cui si attendeva di sbloccare il portellone del blindato, nel quale l’uomo era di fatto imprigionato, per portargli soccorso. “Attendiamo i risultati dell’autopsia per capire che cosa sia successo, poi decideremo come comportarci”, ha detto la moglie del vigilante, che insieme alla figlia è ora chiusa nel dolore in attesa di maggior chiarezza sulla morte del marito.
Il modo in cui l’uomo ha perso la vita ha scosso chi in quel tragico pomeriggio era presente in via Adua e ha assistito ai disperati tentativi di liberarlo dal mezzo in cui si era sentito male e di strapparlo alla morte.
Scossi anche i colleghi di Coopservice, che ora attendono di sapere quando sarà possibile dare all’amico il loro ultimo saluto. Ma prima di fissare il funerale bisogna attendere l’autopsia, prevista per la giornata di oggi.
Massimo Fontanelli lavorava per l’azienda Coopservice dal 2005 e da anni viveva ad Albinea in via Cosmo Cosmi con la moglie e la figlia. Si era sentito male durante un servizio di routine effettuato insieme alla collega presso il supermercato Todis di Via Adua. La collega era entrata per un normale ritiro di denaro. Mentre la donna era nel supermercato, l’uomo si era sentito male e aveva inavvertitamente messo in moto il furgone, schiantatosi poi contro il muretto di una casa vicina. L’impatto aveva fatto scattare il sistema di sicurezza anti assalto del mezzo e le portiere si erano bloccate immediatamente, imprigionando di fatto il Fontanelli e ritardando, anche se di poco, il momento del soccorso.

(fra. se.) 

Fonte: http://www.ilgiornaledireggio.it/showPage.php?template=newsreggio&id=7806&masterPage=articoloreggio.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: