Nota aggiornamento Trattativa per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata, incontro avviato nei giorni 11, 12 e 13 Ottobre a Roma.

Nota aggiornamento Trattativa per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata, incontro avviato nei giorni 11, 12 e 13 Ottobre a Roma. 

Premesso che i giorni 11 e 12, la trattativa si è sviluppata  con l’Associazione Federsicurezza associata a Confcommercio e che l’uscita del gruppo IVRI ha indebolito ed esposto   l’associazione  a non rappresentare la maggioranza degli associati del settore.

Ancora una volta, abbiamo assistito ad una lamentela delle difficoltà legate ai costi di gestione, costo del lavoro e che la crisi economica e il modificarsi delle esigenze di mercato tra domanda e offerta, ha creato  un partecipare agli appalti  sempre di più con proposte al massimo ribasso  per essere competitivi e mantenere  le imprese sul mercato a garanzia dell’occupazione. La sintesi evocata dalle Associazione a distanza degli innumerevoli incontri che si sono susseguiti in questi 32 mesi di trattativa,  non ha riportato novità o ripensamenti nel rivedere quei punti non praticabili come: recupero dei costi per la malattia in fase di carenza; regolamentare il cambio d’appalto e garantire il passaggio dei lavoratori tra un’azienda e l’altra; richiesta di flessibilità dell’orario di lavoro; nuova classificazione dei livelli professionali; recupero di produttività e redditività. Palesemente si avverte il voler prendere  tempo,  per non rinnovare il contratto CCNL della Vigilanza Privata e con l’intendo  d’indirizzarlo e renderlo di basso profilo, assegnando il compito di regolamentare come priorità il settore delle guardie non armate.

La novità si è evidenziata nella giornata del 13, incontro previsto  con l’Associazione ASSIV associata a Confindustria e Lega delle Cooperative per il settore della Vigilanza e che  rappresentano la maggioranza dell’associati.

Mi permetto di evidenziare che ho assistito ad un approccio nuovo ed un linguaggio costruttivo e di rispetto. Il Presidente Balestrero, portavoce della delegazione, ha sottolineato la frattura sofferta tra le Associazioni e che le differenze d’interesse del business  sono ampiamente diverse tra le imprese associate. Inoltre, ha precisato che il cuore del CCNL è rappresentato dalle Guardie Giurate.

IL Presidente ha affermato che ha il mandato pieno per proseguire la trattativa e trovare un accordo condiviso e che l’incontro di oggi segna il tentativo di provare ad avviare un confronto per un contratto moderno e di prospettiva e che evidenzia la specificità del settore legato ai servi di vigilanza armata e che lo stesso contenitore contenga regole e normative per il servizio non armato: guardiania, portierato.

La volontà e i buoni propositi si evincono dalle affermazioni che hanno segnato nel metodo, regole e la certezza dei tempi indicati, in un percorso di momenti di trattativa in plenaria e sedi tecniche, a partire da oggi: 4 plenarie; incontri bisettimanali in ristretta. Le date indicate sono:  il 4, 18, 29 novembre e  il 6  dicembre.

Durante il confronto, il Presidente ha evidenziato che la situazione che si è creata con la nuova composizione intervenuta a livello di associati, pone, per quanto riguarda la materia e lo strumento della bilateralità alcuni interrogativi nuovi e che la delicatezza della materia ci suggerisce che il nuovo rinnovo del CCNL deve affrontare le regole della governance per la pratica legata alla rappresentanza e i soggetti fondatori. Valutazione necessaria se le parti Datoriali non si  ricomporranno.

Questo è il lavoro ed il confronto  che in queste giorni di trattativa è emerso.

Fonte: Fornaro Bruno – RSA Filcams Varese

Post su facebook al seguente link http://www.facebook.com/groups/guardiegiurate/doc/10150339539286693/

Annunci

2 Risposte

  1. non lo rinnoveranno mai con questi metodi prendono tempo e ci riescono 3 anni sono passati senza pagare nulla e quando lo rinnoveranno il potere iniziale di aumento si perderà rinnovando un contratto che valevano 2.ind vacanza nulla e recupero sarà irrisorio oltre ai numerosi colleghi che si sono licenziati e a cui nulla è dovuto.non sono alla canna del gas noi guardie si a cui 100 euro servono.soluzione sciopero 3 giorni filati piccolo sacrificio con grandi risultati.

  2. Così non è possibile andare avanti!
    Perchè siamo così apatici??? SCIOPERO!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: