Assalto a blindato nei pressi di Cerignola

Assalto a blindato nei pressi di Cerignola

Colpo da manuale, magro bottino per i rapinatori

 

Un vero e proprio assalto, con le modalità di quelli portati ai “portavalori”, con colpi di fucile a pompa esplosi in aria ed una decina di malviventi in azione. Ma a bordo del furgone dei Monopoli di Stato, scortato da un’auto della Metronotte di Bisceglie con due vigilantes a bordo, c’erano solo settanta cartoni di sigarette, alcuni pacchi di sale e di fiammiferi. L’assalto è avvenuto ieri mattina alle 8.20 sulla statale “16”, in direzione Foggia, due chilometri dopo Cerignola, quando i due mezzi sono stati affiancati da un’Audi a bordo della quale vi erano banditi armati di fucili a pompa e pistole, con il volto coperto da calzamaglie, mentre una seconda autovettura, una Renault Modus, ha speronato la Peugeot 450 dei vigilantes. Alcuni colpi di fucile esplosi in aria hanno indotto gli autisti a fermarsi ed una disarmate le due guardie giurate, sequestrate assieme ai due addetti del Monopoli, due banditi si sono messi alla guida del furgone e dell’auto dell’istituto di vigilanza ed il convoglio dei quattro mezzi ha imboccato il vicino svincolo della statale, addentrandosi nella viabilità di servizio della “sedici”. E di qui in aperta campagna, dove a circa un chilometro erano ad attenderli altri complici (in tutto hanno operato una decina di malviventi) che hanno velocemente trasbordato il carico su un altro furgone: una cinquantina di cartoni di sigarette mentre altri venti sono stati lasciati nel vano di carico prima di darsi alla fuga. Una azione fulminea ed un bottino solo parziale, dovuto forse al fatto che i rapinatori hanno sentito il fiato sul collo delle forze dell’ordine, posto che il furgone era protetto da un antifurto satellitare. Pochi minuti dopo l’allarme, grazie al “gps”, gli agenti del Commissariato di polizia, in contatto con la centrale operativa del satellitare, si sono messi immediatamente sulle tracce del furgone, localizzandolo e raggiungendolo pochi minuti dopo che i banditi avevano abbandonato la scena, addentrandosi nel dedalo di stradine che circondano Cerignola.  Sul posto, oltre ai quattro ostaggi, i banditi hanno abbandonato la Modus, usata per ostruire l’accesso al tratturo in cui è avvenuto il trasbordo (la vettura è stata sottoposta ai rilievi di rito alla ricerca di tracce ed impronte), mentre l’Audi è stata ritrovata dalla polizia un paio d’ore dopo l’assalto, su via Trinitapoli, avvolta dalle fiamme. Uno dei vigilantes è stato condotto in ospedale, per farsi medicare le ferite riportate durante la colluttazione con i banditi. Nel conto del bottino vanno inoltre aggiunte anche le pistole di ordinanza dei vigilantes che assieme al maltolto entrano a far parte dell’armeria delle bande specializzate negli assalti a Tir e furgoni portavalori. L’ennesimo assalto avvenuto nei dintorni di Cerignola, è destinato ad aumentare i timori di quanti transitano sulla statale 16” sulle parallela autostrada “A 14” e sulla A-16 Bari Napoli, che si può ormai definire una sorta di triangolo delle Bermude, dove “spariscono” beni e valori. E dove, nel migliore dei casi, si può passare un brutto quarto d’ora. Come i vigilantes protagonisti della brutta avventura di ieri.

(tratto da La Gazzetta del Mezzogiorno, R.C., ed. cart. del 17.11.12)

17/11/2012 Fonte: http://www.lanotiziaweb.it/17/11/2012/assalto-a-blindato-nei-pressi-di-cerignola/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: