La vigilanza privata italiana sotto la lente della Commissione Europea

La vigilanza privata italiana sotto la lente della Commissione Europea

Pubblicato 19 novembre 2015 | Da Ilaria Garaffoni

final_security_survey_descriptive_analysis_it_en(1)-1La Commissione Europea ha pubblicato uno studio settoriale che riporta un’analisi dettagliata dellasecurity privata su 7 mercati nazionali, tra cui anche l’Italia. La ricerca sul mercato italiano, realizzata da Ecorys SSS, prende in considerazione l’intero mondo della security privata, dalle tecnologie ai servizi, con un particolare focus su identity e cyber security. Un ramo d’offerta, quest’ultimo, che comincia a diventare promettente anche per gli operatori tradizionali della vigilanza privata, quanto meno stando alle diverse partnership allacciate dai maggiori player del comparto con aziende di area IT.
Per quanto riguarda la vigilanza privata, la ricerca evidenzia il profondo processo di trasformazione che l’ha interessata a partire dalla sentenza della Corte di Giustizia del 2007, che ha avviato una progressiva apertura del mercato italiano ai competitor esteri ed un affidamento sempre più spinto, ad aziende private, di servizi prima affidati in esclusiva alle forze dell’ordine.

Un dato curioso, che mostra la necessità di metter rapidamente mano al tema della tutela della persona: nella specifica dei servizi genericamente denominati come “altri”, assieme a piantonamento, investigazioni, monitoraggio remoto e consulenza, una buona fetta di aziende intervistate parla di servizi di “security of persons”. Che sarebbe illegale, ma tant’è.

Un altro tema che emerge è la relativa “chiusura” del mercato italiano verso l’estero – dovuta, nel comparto vigilanza, alle limitazioni operative che l’autorità tutoria ha imposto negli anni e di cui si sente ancora profondamente il solco. Le concentrazioni e le fusioni che si sono susseguite negli ultimi anni non hanno ancora originato un interlocutore totalmente dominante sul piano nazionale e la natura “familiare” delle imprese (con fatturati inferiori a 250.000 euro) è tuttora la fetta predominante di un mercato che è rimasto sostanzialmente fermo negli ultimi 5 anni.

Fonte: http://www.vigilanzaprivataonline.com/vigilanza-economica/la-vigilanza-privata-italiana-sotto-la-lente-della-commissione-europea-5463.html

 
buzzoole code

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: