CCNL VIGILANZA PRIVATA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE:

CCNL VIGILANZA PRIVATA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE:

All’attenzione dei segretari nazionali di categoria Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltucs Uil e le loro sedi territoriali.

Le scriventi Rsa della vigilanza e servizi fiduciari a nome di tutti i lavoratori iscritti e non iscritti intendono esprimere con la presente il loro dissenso per lo stato dei lavori che vi vedono impegnati ai tavoli delle trattative per il rinnovo del contratto di lavoro del settore, con le associazioni datoriali maggiormente rappresentative, da oltre 30 mesi.

Lo scopo iniziale è stato promettente, con la rimessa in campo dell’unità sindacale, presupposto che ci ha avviati con più forza al confronto con le parti datoriali, con la presentazione di una piattaforma rivendicativa unitaria, che ha di base richiesto un rafforzamento di norme e tutele, per ridurre il continuo susseguirsi del ribasso del costo dei servizi prestati negli appalti, ed una posizione dura nella pratica del dumping contrattuale, per la ripresa di un settore allo sfascio e per ridare una dignitosa risposta ai lavoratori in termini di retribuzione.

Premesso che l’unità sindacale che avrebbe dovuto rivedere e ravvedersi dell’epilogo delle scorse tornate contrattuali e soprattutto per quanto “accadde” per il CCNL siglato 2013/15.

Dopo 6 lunghissimi anni di agonia, superando ogni limite, abbiamo subito una riduzione importante del costo del lavoro, nei termini a voi noti (livelli declaratoria ecc.), nessun recupero di due tornate contrattuali mancate, nessun recupero economico, più l’introduzione del comparto dei servizi fiduciari che ha prodotto un’ulteriore impoverimento della categoria, superando ogni nostra peggiore aspettativa, subissando sotto l’aspetto retributivo, perfino il contratto dei lavori domestici.

Ciò nonostante, a parte l’ottimismo (ironicamente parlando) nelle fasi iniziali del confronto con l’aspettativa poco edificante: “ci andrà grassa se consentiranno un rinnovo con le medesime condizioni attuali”, magari con qualche spicciolo di aumento, con la contropartita di lasciarci i tre giorni di carenza malattia, ci siamo trovanti innanzi all’ennesima beffa, altre richieste delle associazioni datoriali, oltraggiose e mortificanti contro le quali ci stiamo battendo con tutte le nostre forze.

In questa partita però si è registrata la più numerosa partecipazione dei lavoratori del settore, e avete potuto constatare che non abbiamo abdicato la nostra lotta come fatto nel passato, dando il sostegno necessario alle azioni messe in campo dalle segreterie. Ma non è bastato.

Le nostre aspettative, già deluse dalla risposta delle associazioni datoriali dopo il 4 maggio, restano ancora più mortificate dalle posizioni assunte dalle segreterie sindacali confederali, perchè non consente ad oggi di dare seguito alla volontà della base, che univoca chiede di attivarsi e proseguire l’azione di sciopero nei termini consentiti dalla legge, senza attendere altro tempo, perché riteniamo che la forza sta nella perseveranza dell’azione che è stata utilizzata con successo.

Delusi lo siamo anche perché nonostante tutto, lo stallo ce lo abbiamo solo in casa sindacale, le aziende proseguono come meglio credono, sentono di avere spazi sufficienti di manovra per legittimare ogni nefandezza. Si registra in tanti territori il mancato rispetto del contratto ancora vigente, che viene aggirato con accordi in deroga, con l’avvallo di dirigenti sindacali corrotti, quelli che le aziende hanno introdotto all’uopo all’interno delle sigle sindacali più rappresentative, sono sotto il naso di tutti gli accordi di prossimità che hanno trovano vita prospera.

Ma visto l’assenza delle istituzioni e degli organi di vigilanza, le aziende estendono la loro spregiudicatezza anche non rispettando le regole più elementari dettate dal testo unico sulla sicurezza (81/08).

Tra gli esempi più calzanti, i turni di lavoro che diventano sempre più lunghi, i servizi di piantonamento dinanzi le banche senza i GAP ( con lo sfruttamento di personale in apprendistato), il lavoro notturno in assoluta solitudine e con turnazioni che riprendono dopo poche ore di riposo. Formazione inesistente e visite mediche in molti casi non effettuate.

Forse non c’è nulla di quanto detto finora che voi non sappiate, quello che invece vi chiediamo di tenere presente è che noi lavoratori non siamo rassegnati, siamo sempre più decisi a rivendicare la dignità della nostra categoria e soprattutto NON VI ABBIAMO FIRMATO UNA DELEGA IN BIANCO!

Richiediamo con forza che la trattativa venga accelerata, che si prenda atto che è necessaria la mobilitazione con lo sciopero di 48 ore subito e senza perdere altro tempo, organizzando a seguito di questo, le altre azioni di lotta che riterrete opportune.

Ci aspettiamo da parte vostra una risposta chiara e netta perché la vostra posizione non ci è chiara.

Chiediamo che vi adoperiate per essere più presenti sui territori dimenticati, per ristabilire la credibilità, rispetto a delegati e funzionari che si sono arrogati il diritto di vendere la nostra pelle per lucro personale. Che si attivino sui territori percorsi di formazione sindacale, anche attraverso più assemblee, affinché le nostre coscienze sindacali non vengano sollecitate solo da informazioni frammentarie, a volte comunicate anche da improbabili sigle di sindacali, espressione di un esasperazione individuale e collettiva.

Chiediamo alle segreterie di ristabilire la fiducia nei lavoratori, perché crediamo fermamente che se le organizzazioni sindacali confederali dovessero declinare la fiducia saremmo vittime costrette a ben altre umiliazioni.

15/11/2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: