Rinnovo CCNL: a breve la presentazione della Piattaforma

Rinnovo CCNL: a breve la presentazione della Piattaforma

79201616524.jpg

Il 29 settembre a Roma l’incontro delle Parti Sociali

E’ stato fissato per il 29 settembreprossimo a Romal’incontro tra Associazioni di categoria e OO.SS. del settore della vigilanza privata, con partecipazione della delegazione plenaria, per la presentazione della Piattaforma per il rinnovo del CCNL vigilanza privata e servizi fiduciari.

Per Luigi Gabriele, Presidente di FederSicurezza, “la piattaforma ricevuta dalle OO.SS. contiene, come già abbiamo riconosciuto, spunti interessanti sotto il profilo dell’auspicato ammodernamento delle regole di settore. D’altra parte, tuttavia, non può non costituire motivo di “preoccupazione” la richiesta di aggiornamento dei parametri retributivi: un’istanza che, seppur prevedibile, non sembra tenere realisticamente conto del tangibile stato di “salute” settore.

La Commissione Sindacale di UNIV, anche sulla scorta dei deliberati assembleari, ha come noto già predisposto un’elaborata ipotesi di lavoro, che sarà presto oggetto di confronto, oltre che di auspicabile condivisione, anche con le altre Associazioni datoriali”.

Come di consueto, FederSicurezza vi terrà prontamente aggiornati sulla progressione dei lavori.

A.G.

07/09/2016 Fonte: http://www.federsicurezza.it/news.aspx?newId=107

Annunci

L’autore della tentata rapina alla guardia giurata a Punta Marina si è costituito

L’autore della tentata rapina alla guardia giurata a Punta Marina si è costituito.

L’uomo, ormai braccato, ha deciso di presentarsi con il suo avvocato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile. 50.000 euro l’ammontare del mancato bottino

I carabinieri della Compagnia di Ravenna hanno individuato e denunciato l’autore della tentata rapina avvenuta nella mattinata di ieri a Punta Marina: si tratta di un uomo di 40 anni circa, italiano.

Gli accertamenti dei militari, interessati alle indagini così come i colleghi della Polizia di Stato, hanno da subito avuto una direzione chiara: una soggetto in particolare, originario del sud Italia, sembrava corrispondere alle descrizioni e a quanto visionato dai filmati di sorveglianza dell’istituto di credito.

Il rapinatore si era avventato contro una guardia giurata che aveva al seguito un plico contenente circa 50.000 euro: la pronta reazione della vittima dell’aggressione, avvenuta con uno spray al peperoncino di libera vendita, ha consentito di allontanare il malvivente senza che riuscisse ad ottenere il bottino.

Nella mattinata di sabato, dopo una notte di ricerche indirizzate soprattutto nei pressi della sua casa di residenza nel forese ravennate, l’uomo, ormai braccato, ha deciso di presentarsi con il suo avvocato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobileche, avvertita l’Autorità Giudiziaria, hanno proceduto ad interrogare il reo confesso: sono in corso ulteriori accertamenti al fine di stabilire se possa essere autore anche di altre rapine sul territorio ravennate.

27/08/2016 fonte: http://m.ravennanotizie.it/articoli/2016/08/27/lautore-della-tentata-rapina-alla-guardia-giurata-a-punta-marina-si-costituito.html

Inviato da iPhone

Vigilanza Privata: continua la battaglia della UILTuCS contro il Contratto Bidone e per rendere giustizia ai lavoratori

Vigilanza Privata: continua la battaglia della UILTuCS contro il Contratto Bidone e per rendere giustizia ai lavoratori

La Suprema Corte di Cassazione con due sentenze si è pronunciata su due questioni fondamentali afferenti il CCNL della Vigilanza Privata firmato, per sventura dei lavoratori del settore, da FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UGL SICUREZZA CIVILE e dalle Associazioni datoriali.
Le due sentenze hanno legittimato la richiesta principale avanzata da sempre dalla UILTuCS e cioè la rivalutazione della paga unica nazionale, applicando l’indice IPCA, a decorrere dal 1 gennaio 2009.
Infatti, una delle due sentenze ha accolto i ricorsi sia dell’Azienda sia del Lavoratore, che invocavano entrambi, sia pur per finalità diverse, l’applicazione dell’accordo interconfederale del 2009 sulle modalità di rinnovo dei CCNL. La questione di estrema rilevanza è che è stato accolto il ricorso presentato a nome e per conto del lavoratore sulla rivalutazione della paga unica nazionale applicando l’indice IPCA dal 1 gennaio del 2009.
L’altra sentenza, pur dichiarando, per ragioni di competenza processuale e non di merito, inammissibile il ricorso presentato a nome e per conto del Lavoratore, precisa: “Il ricorso incidentale è inammissibile perché non riguarda la interpretazione della normativa contrattuale ma invoca l’applicazione del principio della retribuzione proporzionata e sufficiente che discende direttamente dall’art. 36 della Costituzione”. Non può invece ritenersi che la sentenza contenga anche un rigetto nel merito della pretesa del ricorrente (il lavoratore) alla retribuzione proporzionata e sufficiente perché non compatibile con l’adozione di una sentenza ex art. 420 bis c.p.c.
Come si evince con chiarezza, anche questa sentenza non contraddice l’altra, in merito all’accoglimento dell’applicazione dell’indice di rivalutazione retributivo IPCA.
Per quanto riguarda l’indennità di vacanza contrattuale, la Suprema Corte di Cassazione afferma che la stessa doveva essere erogata al lavoratore (contrariamente a quanto la stragrande maggioranza delle aziende hanno fatto), ma che il (vergognoso) CCNL poteva legittimamente prevederne l’assorbimento con l’una tantum e gli aumenti salariali.
In pratica, secondo Cassazione, sarebbe dovuta ad ora l’intera somma relativa all’indennità di vacanza contrattuale, salvo l’assorbimento fino a concorrenza da parte dell’una tantum e degli aumenti contrattuali.
Le due pronunce della Corte di Cassazione risultano di estrema importanza. Pur non essendo rigidamente vincolanti per i Giudici di merito, rappresentano, come evidenziato dalla stessa Corte, provvedimenti in grado “di orientare (…) tutti i giudici investiti, anche in futuro, della medesima questione”.
E’ quindi opportuno per i Lavoratori del settore, contando sull’assistenza delle UILTuCS Territoriali, quantomeno interrompere i tempi di prescrizione, inviando specifica lettera all’Azienda dalla quale dipendono, per la richiesta della rivalutazione della propria retribuzione applicando l’indice IPCA a partire dal 2009.
Attenderemo con fiducia le prossime sentenze dei Tribunali e delle Corti d’Appello come si pronunceranno in merito all’applicazione dell’IPCA a seguito delle sentenze della Suprema Corte di Cassazione qui commentate.

Scarica le sentenze della Corte di Cassazione

Fonte: http://www.uiltucs.it/interna.php?id_news=688

CCNL 2013-2015

CCNL 2013-2015

In data 28 febbraio ANIVP, ASSVIGILANZA ed UNIV hanno sottoscritto il testo di rinnovo del CCNL scaduto il 31 dicembre del 2008.
Per la corretta applicazione dello stesso è stato altresì sottoscritto un’accordo di armonizzazione che riguarda, in parte tecnica la necessaria graduazione degli aumenti retributivi ed in parte politica sia le motivazioni che hanno portato alla positiva decisione assunta sia gli intendimenti condivisi sul tema bilateralità che viene “allo stato confermata negli enti di appartenenza EBINVIP, FASIV e COMMISSIONE PARITETICA NAZIONALE”

Allegati:

CCNL 2013-2015 – Accordo armonizzazione

CCNL 2013-2015 ANIVP-ASSVIGILANZA-UNIV

 

13/03/2014 Fonte: http://www.federsicurezza.it/winNewsA.asp?id=387

SONDAGGIO: Sindacato Guardie Giurate

Si ipotizzava, da alcuni aderenti a questo gruppo di fare un sindacato autonomo di sole Guardie Giurate e diretto da Guardie Giurate. Se dovesse nascere questo sindacato autonomo delle Guardie Giurate, S.G.G. per esempio, tu aderiresti?

Link del Gruppo https://www.facebook.com/groups/guardiegiurate/permalink/10151619092936693/

Sicurezza: Assiv, guardie giurate vigileranno a pieno titolo nei porti

Sicurezza: Assiv, guardie giurate vigileranno a pieno titolo nei porti

05 Agosto 2013 – 17:00

Roma, 5 ago – Le guardie giurate private potranno essere impiegate a pieno titolo come forze sussidiarie e complementari alle forze dell’ordine anche nei porti. E’ quanto prevede il decreto del ministero dell’Interno n. 154/2009, rimasto pero’ finora inapplicabile per la mancata circolare applicativa sull’addestramento del personale dedicato ai controlli di sicurezza. Lo comunica l’Assiv, l’associazione delle imprese di vigilanza aderente a Confindustria, secondo cui il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che ha competenza sulle capitaneria dei porti, ha ora assicurato piena disponibilita’ ”ad approntare la questione” ed accogliere le istanze dell’Assiv ”compatibilmente con il rispetto delle norme primarie nazionali e del regolamento CE n. 725/2004 relativo al miglioramento della sicurezza delle navi e degli impianti portuali”. Nel corso di un incontro convocato dal gabinetto del Ministro, cui hanno partecipato il direttore dei porti e il comandante responsabile per la security e safety del comando generale delle capitanerie dei porti, i rappresentanti dell’Assiv, ricordando che anche il ministero dell’Interno ha avviato un tavolo tecnico per arrivare presto all’applicabilita’ del decreto, hanno sottolineato ”l’opportunita’ di mercato che la piena operativita’ del decreto puo’ creare per il settore della vigilanza privata”. com-fch/lus

Fonte: http://www.asca.it/news-Sicurezza__Assiv__guardie_giurate_vigileranno_a_pieno_titolo_nei_porti-1303549-ATT.html

Assiv, aumenta la rappresentatività

Assiv, aumenta la rappresentatività

Il Consiglio direttivo di ASSIV, l’associazione delle imprese di vigilanza aderente a Confindustria, riunitosi ieri, 11 luglio 2013, ha approvato l’iscrizione di ulteriori istituti di vigilanza all’interno della compagine Associativa. Con le nuove adesioni salgono a più di 20.000 i dipendenti delle aziende associate ad ASSIV, che si conferma come l’associazione di categoria che raggruppa le principali imprese del settore della vigilanza privata con un fatturato di oltre un miliardo di euro. Fra le nuova aziende associate ci sono anche due realtà storiche di grande rilievo: ilGruppo Telecontrol, con sedi in Piemonte e Lombardia attivo con oltre 450 dipendenti; Sveviapol Sud che ha base in Puglia, nel salento (Lecce, Brindisi, Taranto), e occupa circa 200 addetti. Delle altre imprese aderenti, quattro sono operanti a Roma e provincia (TVE Vigilanza, Gia.Ma., Delta Falco Group, Metro Security Express) e una ad Asti (La Vedetta).

“L’ingresso di altri importanti istituti in Assiv – ha dichiarato il presidente Matteo Balestrero – in un momento come quello attuale di grande difficoltà, è motivo di grande soddisfazione e conferma della bontà degli indirizzi intrapresi da parte dell’Associazione a partire dal rinnovo del CCNL.”

12 luglio 2013 Fonte: http://www.assiv.it/2013/07/assiv-aumenta-la-rappresentativita/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: