ASSOCIAZIONE GUARDIE GIURATE: A.G.R.I. (Come e perché iscriversi)

ASSOCIAZIONE GUARDIE GIURATE: A.G.R.I. (Come e perché iscriversi)

Gianluca Mazzei

Buonasera a tutti… Per chi non conoscesse l’AGRI “Associazione Guardie Riunite d’Italia” darò alcune brevi info. Quello che non scoprirete su fb è l’unione che c’è tra i soci iscritti realmente all’associazione che come obiettivo primario si prefigge di riunire tutte le gpg sotto un unica bandiera in una realtà composta esclusivamente da Guardie Giurate. L’AGRI è gestita da un direttivo coordinato dal Presidente Massimo Raffi e dal Vicepresidente Gianluca Mazzei i quali con estrema umiltà e rispetto per tutti cercano di incanalare le idee dei soci allo scopo di tutelare, evidenziare e salvaguardare il lavoro delle Guardie Giurate. Di seguito pubblicherò un file di presentazione dell’Associazione che ovviamente non è esaustivo, come non lo è questo post, ma che rende l’idea di ciò che siamo. Aggiungo che ad oggi il nostro primo obiettivo, dato l’evolversi drammatico del settore della vigilanza è quello di tutelare in ogni modo i posti di lavoro e a tale scopo il giorno 11 Marzo faremo un presidio sotto il Viminale al quale chiederemo di intervenire principalmente sull’obbligo per i datori di lavoro di utilizzare il registro nazionale delle G.P.G. per le nuove assunzioni, di fare i dovuti controlli negli istituti, di verificare come sia possibile che ci siano aziende che presentano offerte a 16€ l’ora circa per gli appalti e come mai tutti gli istituti si rifiutino di applicare la normativa prevista dal nuovo ccnl sul cambio appalto. Ovviamente questi argomenti possono essere integrati grazie al contributo di tutti i soci che vorranno fare proposte non elencate. La cosa fondamentale per l’AGRI è quella di creare una realtà che permetta il libero confronto e la massima condivisione tra le guardie giurate a prescindere dalle idee politiche e sindacali. Riteniamo che se cominciassimo a ragionare come lavoratori della categoria delle guardie giurate e non come dipendenti di un istituto potremmo finalmente aspirare a portare avanti progetti ed azioni a salvaguardia della nostra professione. Approfitto per ringraziare ancora una volta gli amministratori del TEAM GUARDIE GIURATE per la fiducia che ci stanno dando.

CLICCA QUI PER LA PRESENTAZIONE

Per l’iscrizione all’Associazione basterà scaricare il modulo cliccando sulla seguente scritta

MODULO ADESIONE SOCI

compilarlo e spedirlo allegando  una foto tessera e l’importo annuale di euro 10, a: Associazione Guardie Riunite d’Italia – Presidenza Nazionale – Salita di Castel Giubileo n.44 – 00138 Roma.
Una volta ricevuto il tutto, riceverete per posta la tessera e la ricevuta della quota.

Per info: presidenza@guardieriunite.it

foto di Francesco Cirilli.

La Zecca dello Stato snobba il Ccnl: a piedi 88 guardie giurate

La Zecca dello Stato snobba il Ccnl: a piedi 88 guardie giurate

| Pubblicato il 10-01-2014 alle 15:00 | © Riproduzione riservata

fuoriconio

Da ieri 88 guardie giurate della Sicuritalia, che svolgevano servizio di sicurezza per l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato, non hanno più un lavoro. Il licenziamento è avvenuto perché dopo la seconda sentenza del Tar del Lazio, l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato ha stabilito la fine del servizio di Sicuritalia per il giorno 8 gennaio 2014. La società subentrante, e cioè la Securpol, non ha rispettato gli articoli 11, 24 e seguenti del Ccnl in materia di cambio di appalto: il contratto nazionale, infatti, avrebbe tutelato gli 88 lavoratori con il conseguente passaggio a Securpol.
vigilanzaInoltre, la Zecca dello Stato ha rifiutato la richiesta di Sicuritalia di prorogare i servizi fino al 31 gennaio 2014 e cioè dopo la data prevista per la sentenza del Consiglio di Stato che si pronuncerá il 28 gennaio. Il diniego ha portato Sicuritalia a dover licenziare 88 guardie giurate a Roma, con risvolti gravissimi per il destino dei lavoratori e delle loro famiglie, oltre 300 persone. Il consigliere comunale del Gruppo Misto Mino Dinoi e regionale del Psi Oscar Tortosa, hanno presentato due interrogazioni con le quali chiedono al sindaco di Roma Ignazio Marino e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti se intendono “intraprendere azioni al fine di garantire che i termini del subentro siano differiti al 31 gennaio 2014 e per garantire la regolare assunzione del personale precedentemente impiegato come previsto dal Ccnl del settore vigilanza”.
“Saremo al fianco dei lavoratori – ha annunciato il consigliere Dinoi – durante il sit-in che si è svolto davanti alla sede del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il Poligrafico dello Stato deve farsi garante affinché le società interessate rispettino le regole imposte dal contratto nazionale a tutela dei lavoratori, tanto più in un momento di crisi economica che mette a dura prova le famiglie italiane. Il Ministero istituisca un tavolo di concertazione con le parti prima della sentenza del Consiglio di Stato”.

Fonte: http://romareport.it/3128/la-zecca-dello-stato-snobba-il-ccnl-piedi-88-guardie-giurate

I 40 vigilantes arrampicati sull’Arco di Costantino a Roma

I 40 vigilantes arrampicati sull’Arco di Costantino a Roma

I 40 vigilantes arrampicati sull'Arco di Costantino a Roma

Il loro contratto è  in scadenza e per questo una quarantina di ex vigilantes dell’Istituto dell’Urbe si è arrampicata sull’Arco di Costantino a Roma. “Lavoro, diritti, dignita’”: questo lo striscione che mostrano i lavoratori.

I 40 VIGILANTES SULL’ARCO DI COSTANTINO – Risale all’aprile 2013 la sigla dell’accordo che prevedeva l’assorbimento degli ex vigilantes dell’Ivu all’interno delle partecipate di Roma Capitale. Ad oggi l’unica certezza per questi lavoratori è la scadenza, il prossimo 30 settembre, del contratto a temine con la società Multiservizi, presso la quale hanno svolto diverse mansioni. I “gladiatori”, protagonisti anche di un recente blitz all`assessorato all`Ambiente, a seguito del quale vennero ricevuti da Estella Marino, chiedono alla nuova amministrazione un cambio di passo che renda possibile un lavoro stabile per tutti i 146 ex vigilantes.

12/09/2013 Fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/1101661/i-40-vigilantes-arrampicati-sullarco-di-costantino-a-roma/

Assalto portavalori: pm chiede convalida arresto rapinatori

Assalto portavalori: pm chiede convalida arresto rapinatori

Panico all’Esquilino. Altra sparatoria in periferia. La Questura rafforza il controllo con più uomini

La procura di Roma ha chiesto al gip la convalida dell’arresto per i due rapinatori che ieri hanno partecipato all’assaltato a un portavalori nel centro della Capitale sfociato nella morte di un loro complice, Giorgio Frau, 56 anni, ex Br, e nel ferimento di una guardia giurata, Antonio Domenico Di Salvo, 48 anni.

Il Pm Simona Marazza contesta ai due rapinatori – Claudio Corradetti, 41 anni, in permesso premio e Massimo Nicoletti, 34 anni – i reati di concorso in rapina, tentato omicidio e porto illecito di armi clandestine.

Sulla richiesta di convalida dell’arresto dei due rapinatori il Gip si pronuncerà quasi certamente lunedì dopo l’interrogatorio di garanzia dei due arrestati.

ASSALTO PORTAVALORI: A VAGLIO TELECAMERE E PERIZIA SU ARMI – Per ricostruire la dinamica dell’ assalto al portavalori avvenuta ieri a Roma, gli investigatori stanno esaminando i filmati registrati da alcune telecamere situate nei pressi di via Carlo Alberto, nel rione Esquilino, in cui è avvenuto l’assalto. Nel contempo la Procura di Roma ha disposto una serie di consulenze tecniche e balistiche non solo per accertare la dinamica della sparatoria ma anche per verificare se le armi utilizzate dai banditi siano state usate in altre azioni criminose. Quanto alla guardia giurata che ha sparato e ucciso Giorgio Frau, uno dei rapinatori, la Procura ha qualificato, allo stato, il fatto come legittima difesa con uso legittimo dell’arma in dotazione.

SPARATORIA IN STRADA A ROMA, DUE FERIT– Sparatoria in strada nel pomeriggio Roma. Due persone sono rimaste ferite, tra cui una gambizzata, in un conflitto a fuoco in via Cocconi, in periferia, tra via Prenestina e via Palmiro Togliatti. L’agguato si è consumato nel traffico sulla consolare. Secondo alcuni testimoni, un’auto si sarebbe affiancata ad una Smart e un passeggero avrebbe iniziato a sparare contro la vettura. Poi l’auto degli aggressori si sarebbe data alla fuga tra il panico di automobilisti e passanti. Si sta verificando se all’agguato abbiano preso parte anche persone a bordo di alcuni scooter.

QUESTURA RAFFORZA CONTROLLO, 200 UOMINI IN PIU’  – Il Questore di Roma Fulvio della Rocca ha disposto la massima intensificazione dei servizi di controllo del territorio. Sono in arrivo nella capitale circa 200 uomini delle forze dell’ordine. Oltre ai 150 già previsti dall’ultimo Patto per la Sicurezza, il Ministero dell’Interno ha messo a disposizione per Roma altre decine di uomini in più, in tutto 200. Il provvedimento, che era previsto in futuro ma è stato anticipato alla luce dell’escalation di fatti sanguinosi: l’assalto al portavalori e la sparatoria, mercoledì l’esecuzione di Daniele Lo Presti, fotografo dei vip. Gli equipaggi specializzati saranno attivi nell’arco di 24 ore nelle zone ritenute più a rischio nella Capitale.

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha telefonato al questore per esprimere la propria preoccupazione rispetto al rischio di una recrudescenza di episodi criminali dopo un periodo di relativa tranquillità in città. Il Questore dal canto suo ha assicurato al Sindaco “non solo un attento monitoraggio della situazione ma anche di aver già impartito disposizioni per assumere le misure più idonee per incrementare il controllo del territorio e contrastare, quindi, più fortemente questi fenomeni criminali”.

02/03/2013 Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/03/01/Assalto-portavalori-Roma-morto-rapinatore-ex-br_8331764.html

Roma, assalto a un portavalori: un morto e un ferito

Roma, assalto a un portavalori: un morto e un ferito

Sparatoria in mezzo ai passanti in via Carlo Alberto, all’Esquilino

ROMA – Pensavano di fare una rapina come tante altre ma qualcosa non è andato per il verso giusto. Il vigilantes ha tentato di fermarli, sono partiti dei colpi di arma da fuoco. E’ finito nel sangue l’assalto a un portavalori messo a segno intorno a mezzogiorno in via Carlo Alberto 6, zona piazza Vittorio. Il bilancio è drammatico: un morto e un ferito. Sulla vicenda stanno indagando carabinieri e polizia. Caccia ai rapinatori che sono fuggiti con uno scooter.

01/03/2013 Fonte: http://www.ilmessaggero.it/roma/roma_assalto_portavalori_morto/notizie/255154.shtml

Latina: finge rapina, arrestata guardia giurata e 2 complici

Latina: finge rapina, arrestata guardia giurata e 2 complici

Latina: finge rapina, arrestata guardia giurata e 2 complici

Latina – Aveva simulato una rapina con due complici, ma è finito agli arresti domiciliari la gaurdia giurata dil Latina, addetto alla sorveglianda dello stabilimento industriale Rubber Cables, sulla via Pontina.  La sera del 3 dicembre scorso il vigilante di 36 anni avrebbe finto un tentativo di rapina con sequestro di persona (egli stesso), insieme a due complici romeni, anche loro finiti in manette. A scoprire il trucco è stata la squadra mobile di Latina.
La ricostruzione dei fatti: alle 19 del 3 dicembre scorso due individui, dopo essere riusciti a farsi aprire il cancello di ingresso allo stabilimento dalla guardia giurata lì in servizio, la immobilizzavano e legavano, rinchiudendola nel gabbiotto di vigilanza, per poter appropriarsi di un ingente quantità di cavi di rame. L’intervento del custode dello stabilimento (che non avrebbe dovuto essere in turno) permetteva di dare l’allarme e costringeva gli autori del reato a darsi ad una fuga precipitosa, lasciando sul posto il furgone che dovevano utilizzare per il trasporto dei cavi di rame. Le immediate indagini hanno consentito di individuare gli effettivi utilizzatori del furgone rinvenuto, nonché di accertare che tra loro e la guardia giurata sequestrata vi erano precedenti rapporti. Le investigazioni hanno poi permesso di verificare che la rapina con sequestro di persona era frutto di una simulazione organizzata proprio dalla guardia giurata con due complici di nazionalità romena (Florin Corbu, 30enne residente a Latina, e Ioan Bogdan Lisman, 24enne residente a Pomezia, entrambi in carcere) e il colpo non era andato a buon fine solo per l’intervento imprevisto del custode dello stabilimento.

20 marzo 2012 Tonte: http://roma.ogginotizie.it/124099-latina-finge-rapina-arrestata-guardia-giurata-e-2-complici/

Roma: Tosti (Atac), per sicurezza su alcune linee bus guardie giurate

Roma: Tosti (Atac), per sicurezza su alcune linee bus guardie giurate

Roma, 6 ott. – (Adnkronos) – ”In questa prima fase, su alcune linee in particolare, come quelle nella zona di Acilia, dove sono avvenute le recenti aggressioni, avremo delle guardie giurate che, a gruppi di 2, saranno presenti su tutti i mezzi dalla ore 17 alle ore 22”. E’ quanto ha dichiarato l’ad di Atac, Carlo Tosti, dopo aver incontrato a Roma il prefetto Francesco Pecoraro per fare il punto sulla sicurezza dopo le recenti aggressioni nei confronti dei conducenti Atac.

”Dalle 22 sino all’una di notte, a chiusura del turno – ha aggiunto ancora – avremo la presenza di pattuglie che ‘scorteranno’ i mezzi in circolazione”.

06/10/2011

Fonte: http://www.libero-news.it/news/839274/Roma-Tosti-Atac-per-sicurezza-su-alcune-linee-bus-guardie-giurate.html

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: